BELGIO: il gruppo Alter Smoke attacca Le Petit Vapoteur per concorrenza sleale

BELGIO: il gruppo Alter Smoke attacca Le Petit Vapoteur per concorrenza sleale

Giusto, gelosia o vera concorrenza sleale? La brutta sorpresa arriva dal Belgio o negozio di sigarette elettroniche, situato a Tournai ha deciso di attaccare la società « Il piccolo vapoteur Leader francese nel settore. Invocando la concorrenza sleale e il famoso decreto reale, vuole costringere questo mostro economico a bloccare le vendite online sotto pena di una sanzione di 2.500 euro al giorno e reato.


QUANDO L'INDUSTRIA DEL VAPORE MUORE NELLE GAMBE!


Un'azienda francese ha il diritto di vendere sigarette elettroniche online che verrebbero consegnate in Belgio mentre un regio decreto vieta specificamente questo tipo di vendita. Questa è la famosa domanda di principio presentata ieri mattina alla sagacia del giudice delle cessazioni del Tribunale Commerciale di Bruxelles.

l'azienda LB Retail, parte del gruppo Alter Smoke, ha proposto un'ingiunzione contro la società francese Il piccolo vapoteur condannarlo a bloccare le vendite online ai consumatori belgi.

La battaglia non è affatto banale. Alter fumo, il gruppo madre di LB di vendita al dettaglio, non ha meno di negozi 41 tra Francia, Svizzera e Belgio (8 negozi a Bruxelles, 10 in Vallonia e nelle Fiandre 4) mentre poco vapoteur è il leader francese della sigaretta elettronica. La questione del marketing delle sigarette elettroniche è regolata dalla direttiva europea 2014 40 / 3 April 2014, recepita nella legge belga da " sulla produzione e commercializzazione di sigarette elettroniche 28 October 2016.

L'articolo 6 di questo regio decreto è chiaro: « La vendita a distanza di sigarette elettroniche e bottiglie di ricarica ai consumatori è vietata.« Questo articolo è basato su Marie Canivet et Bruno Fonteyn, gli avvocati di LB Retail, per stabilire la loro azione in cessazione.


UNA LEGISLAZIONE EUROPEA CHE CONTINUA A CREARE ZIZANIE!


Durante l'udienza, hanno spiegato a lungo che il loro cliente aveva rispettato il regio decreto in questione e ha smesso di vendere sigarette elettroniche online. Che non è il caso Aziende francesi, tra cui Le Petit Vapoteur, che hanno continuato le vendite online.

La sfida, sospettiamo, è significativa, sapendolo il mercato delle sigarette elettroniche sta crescendo. Per gli avvocati di LB Retail, consentire alle aziende francesi di vendere online a un pubblico belga è sinonimo di concurrence déloyale. ' Quando è stato pubblicato il decreto reale, il mio cliente non era felice, ma ha acconsentito. La legge è dura, ma è la legge. Stavamo aspettando che tutti si adeguassero. Ma questo non è stato il caso ed è la concorrenza sleale che sta peggiorando giorno dopo giorno", Ha pregato Bruno Fonteyn.

In realtà, secondo LB Retail, Le Petit Vapoteur viola il regio decreto su tre punti: doveva tradurre le etichette dei prodotti venduti nelle tre lingue nazionali, doveva notificare i componenti dei prodotti alla FPS Public Health e non potrebbe vendere i suoi prodotti online.


PICCOLI ATTACCHI VAPOTI ROYAL ARREST, LB RETAIL PENSA "GUADAGNO DEL TEMPO"


Il leader francese nella sigaretta elettronica, difeso da Dominique Bogaert, ha indicato che sarà conforme ai primi due punti. Inoltre, Le Petit Vapoteur ha proposto un'azione per la sospensione e l'annullamento del regio decreto in questione, un elemento che ha spinto l'avvocato a chiedere alla corte di sospendere il procedimento. Gli avvocati di LB Retail lo vedono come un tentativo gioca l'orologio«.

Durante i mesi 6 precedenti alla citazione, gli avvocati di LB Retail lo hanno notato 6,35% delle visite al sito web Petit Vapoteur sono state fatte dai belgi. Sapendo che l'ultimo giro d'affari della società francese ammonta a 35 milioni di euro, gli avvocati di LB Retail hanno stimato che la "parte belga" di questo fatturato 2 milioni. Alla luce di quanto sopra, hanno chiesto al giudice di interrompere le vendite online del Petit Vapoteur a causa di dolore penalità di 2.500 al giorno e per reato, con un massimale di 2 milioni di euro.

Counsel per la società francese, nel frattempo, ha detto che il suo cliente, che non è in vendita attiva nei confronti del consumatore belga non essere vincolata dall'articolo 6 del regio decreto, argomentò prima di affermare che non c'erano prove di danni a LB Retail.

Fonte : Lecho.be/

Com Inside Bottom
Com Inside Bottom
Com Inside Bottom
Com Inside Bottom

Circa l'autore

Avendo una formazione in specialista della comunicazione, mi prendo cura da un lato dei social network Vapelier OLF ma sono anche editore di Vapoteurs.net.