CANADA: Imperial Tobacco attacca il governo.

CANADA: Imperial Tobacco attacca il governo.

Imperial Tobacco Canada trascina il governo di Nuovo Brunswick di fronte ai tribunali. L'opposto sarebbe stato sorprendente e mostra che questa società sta prendendo grandi mezzi per difendere i suoi interessi a scapito della salute pubblica.

Poco meno di un anno fa, il governo provinciale ha introdotto un disegno di legge per ridurre il fumo giovanile. La vendita di sigarette elettroniche e accessori ai giovani di età inferiore a 19 è stata vietata. Ai minori non è più consentito frequentare i bar vaping.

Imperial_Tobacco_Canada_Ltd_d5cbf_250x250Fredericton ha anche vietato le sigarette aromatizzate sul suo territorio, un'altra misura per tenere i nostri figli lontani dal tabacco. Il ministro della salute, Victor Boudreau, aveva trovato le parole giuste per giustificare la nuova legislazione: "Sigarette che assaggiano zucchero filato o cioccolato, è chiaro che è rivolto ai giovani'.

In effetti, la strategia delle compagnie del tabacco è chiarissima. L'industria vuole trovare una nuova clientela che svilupperà una dipendenza da questi sapori e che comprerà prodotti del tabacco per lungo tempo. Va detto che la morsa si sta stringendo sul tabacco imperiale di questo mondo, almeno nei paesi industrializzati. In Canada, queste aziende non sono più autorizzate a fare pubblicità per un lungo periodo.

Au Nuovo Brunswick, i pacchetti di sigarette non possono più essere evidenziati nei negozi. Devono essere nascosti sotto un bancone, in un armadio, dietro una tenda o altro, l'importante è che non li vedi a prima vista entrando nel minimarket. Il fumo è anche proibito nella maggior parte dei luoghi pubblici. L'industria è molto fantasiosa in modo che possa continuare a vendere i suoi agenti cancerogeni. Una delle strategie adottate è la produzione di sigarette nuove e più attraenti. Ma i governi tengono gli occhi aperti.

In 2014, il Parlamento europeo ha annunciato che le sigarette aromatizzate e il tabacco saranno vietati, con un tempo aggiuntivo per le sigarette al mentolo. Più vicini a casa, anche la Nuova Scozia e il Quebec hanno deciso di agire. Negli ultimi due casi, Imperial Tobacco ha contestato le nuove leggi in tribunale. Era logico quindi che lei facesse lo stesso con il New Brunswick.

Imperial ha il diritto di farlo. Viviamo in una società del diritto. Se una società ritiene che un governo stia adottando leggi abusive, può andare in tribunale. In una spedizione da La stampa canadese pubblicato la scorsa settimana, Imperial Tobacco, tuttavia, ci permette di fare ... la morale.

La compagnia dice che vietare le sigarette al mentolo non eliminerà questi prodotti dal New Brunswick, poiché i consumatori che li cercano si rivolgeranno al mercato nero. Lei lo spiegaregolamentazione eccessiva»Non farlo Brunswicknon permetterà al governo di raggiungere i suoi obiettivi, e che lo sarebbe anchecontroproducente nella pratica'.

I nostri ringraziamenti alle multinazionali che si preoccupano dell'efficacia delle leggi approvate dalla legislatura. Ma se c'è un settore che possiamo fare senza consigli, è il tabacco. Dopotutto, stiamo parlando di aziende che guadagnano decine di miliardi di dollari di profitti ogni anno vendendo un prodotto altamente additivo che è una delle principali cause di cancro ai polmoni.

E dovremmo ascoltare il consiglio di quelle persone che, dopo decenni di negazione del legame tra fumo e cancro, ora sostengono di essere a favore dilegislazione responsabile"? In effetti, con tutto ciò che si sa sugli effetti nocivi del tabacco, sarebbe logico proibire semplicemente la vendita di sigarette ovunque in Canada. Ovviamente, non succederà. In primo luogo, l'esperienza del divieto (divieto di vendita di alcol negli anni 1920) ha dimostrato che tale legge sarebbe difficile da applicare.

Inoltre, i prodotti del tabacco sono pesantemente tassati. I governi non possono più privarsi di questa mucca da mungere. In effetti, nel suo ultimo bilancio, il governo Gallant ha aumentato le tasse in questione. La soluzione migliore è limitare la visibilità di questo settore e impedirgli di sedurre i suoi clienti del futuro, vale a dire i nostri giovani. La brutale reazione di Imperial Tobacco mostra quanto sia importante questo problema.

Invitiamo il governo del New Brunswick a non essere intimidito ea difendere vigorosamente le nostre leggi. Non spetta a un venditore di sigarette, anche se è una multinazionale, di dettare le nostre scelte di salute pubblica.

Fonte : Acadienouvelle.com


Com Inside Bottom
Com Inside Bottom
Com Inside Bottom
Com Inside Bottom

Circa l'autore

Redattore capo di Vapoteurs.net, il sito di riferimento sulle notizie dello svapo. Impegnata nel mondo dello svapo da 2014, lavoro tutti i giorni in modo che tutti i giornalisti e i fumatori siano informati.