CANADA: Imperial Tobacco richiede equità tra tabacco e cannabis.
CANADA: Imperial Tobacco richiede equità tra tabacco e cannabis.

CANADA: Imperial Tobacco richiede equità tra tabacco e cannabis.

Mentre il Canada si prepara a legalizzare la marijuana, presidente e amministratore delegato della società di tabacco Imperial Tobacco Canada, Jorge Arraya, chiede al governo Trudeau per essere coerenti circa le regole che saranno imposte per la marijuana e quelli già in forza per i prodotti del tabacco.


IL TABACCO IMPERIALE VUOLE LE STESSE REGOLE DEL TABACCO E DEI CANNABI.


«Comprendiamo che si tratta di due settori diversi, ma vogliamo che gli stessi principi che si applicano alla marijuana vengano applicati anche al tabacco. Le regole dovrebbero essere simili, non esattamente uguali, ma similiDetto giovedì Signor Arraya nell'intervista telefonica con Le Soleil.

In primo piano le preoccupazioni della compagnia del tabacco sono le tasse che rappresentano il 70% del costo del prodotto in alcune province. "Accogliamo con favore l'approccio del governo federale di mantenere l'aliquota fiscale sufficientemente bassa sulla marijuana per eliminare il mercato nero. Ma non dobbiamo neanche dimenticare che il mercato nero rappresenta anche il 25% delle vendite di tabacco"Dice.

Non desiderando dettare al governo quale sarebbe l'aliquota fiscale ideale, Arraya afferma che 50% sembra già più ragionevole. "Questo non è un obiettivo da raggiungere, ma evitare aumenti fino a 70%. A $ 100 $ per un cartone di sigarette, mentre puoi ottenere lo stesso importo per 15 $ sul mercato nero, finanzi il crimine organizzato. Dovrebbe essere più moderato, evitare di dare uno shock al mercatoLui continua.

Il signor Arraya ha anche delle leggi contro il semplice imballaggio e il divieto di prodotti a base di tabacco aromatizzati. "Rimuovi completamente l'aspetto del marchio, pensiamo che sia illegale e che sia esagerato e inefficienteSostiene, sostenendo che il governo australiano ha notato un aumento del consumo di tabacco anche se la confezione è stata neutrale per quattro anni.

Soprattutto, come fa notare Jorge Arraya, il governo federale non ha menzionato alcuna standardizzazione dei prodotti a base di marijuana e se ne è andato sentire che accetterebbe un certo livello di rilevanza del marchio una volta che la legalizzazione sarà stata adottata.

Imperial Tobacco Canada non è attualmente interessato a immergersi nel mercato della marijuana una volta che il prodotto è legale nel paese. 

«Mai dire maiDice Jorge Arraya, presidente e amministratore delegato della divisione canadese della multinazionale del tabacco. "Ma per ora, non siamo assolutamente interessati al mercato della marijuana.»


PRONTO A LANCIARE IL MERCATO DELLA SIGARETTA ELETTRONICA


L'uomo d'affari ritiene che il futuro di Imperial Tobacco sia piuttosto dalla parte della sigaretta elettronica e dei prodotti di tabacco non combustibili. "Il tabacco lo riscaldiamo invece di bruciarlo, ce l'abbiamo già nella Columbia Britannica, ma secondo la legge corrente non possiamo comunicare con i consumatori su questo prodottoDice.

Per quanto riguarda la sigaretta elettronica, che molti rivenditori distribuiscono e di cui ci sono già 1,5 milioni di consumatori in tutto il paese, la vendita è semplicemente illegale ovunque in Canada se contiene un liquido con nicotina.

«Stiamo aspettando che diventi legale in Canada per lanciare i nostri prodotti di sigarette elettroniche. Riteniamo davvero che si tratti di prodotti a basso rischio e disponiamo di analisi scientifiche indipendenti che supportano questa teoriaSecondo Arraya, chi sostiene che le sigarette elettroniche e i prodotti non combustibili del tabacco sarebbero meno tossici del 90% rispetto ai prodotti tradizionali del tabacco.

Com Inside Bottom
Com Inside Bottom
Com Inside Bottom
Com Inside Bottom

Fonte dell'articolo:https://www.lequotidien.com/affaires/lequite-entre-marijuana-et-tabac-demande-imperial-tobacco-f19f059dba4fa1a1f2f1f8f3495f8dba

Circa l'autore

Appassionato di giornalismo, ho deciso di unirmi al team editoriale di Vapoteurs.net in 2017 per occuparmi principalmente di notizie di vape in Nord America (Canada, Stati Uniti).