Top banner
DIRETTIVA DEL TABACCO: i costi delle notifiche sono stati finalmente rivelati in un decreto.

DIRETTIVA DEL TABACCO: i costi delle notifiche sono stati finalmente rivelati in un decreto.

Le Decreto n. 2016-1139 del 22 agosto 2016 che integra le disposizioni relative alla produzione, presentazione e vendita di prodotti per lo svapo è stato appena pubblicato nella Gazzetta ufficiale questo martedì 23 agosto. E se l'ultimo decreto che vi abbiamo presentato fosse molto incompleto o addirittura misterioso questo affronta alcuni punti sensibili della direttiva sul tabacco, compreso il costo delle notifiche.


Il Légifrance-Service-Public-from-the-destra-accessoSCOPERTA DELL'ORDINE N ° 2016-1139


- Art. D. 3512-9-2. - Viene rilasciata l'approvazione per l'esecuzione delle analisi di cui all'articolo L. 3512-15 un massimo di cinque anni dall'ente pubblico menzionato in questo articolo. È rinnovabile alle stesse condizioni.
“L'approvazione è pubblicata sul sito web del ministero responsabile della salute e l'elenco dei laboratori autorizzati viene inviato dal ministero responsabile della salute alla Commissione europea.

- Art. D. 3512-9-3. - L'approvazione viene rilasciata secondo i seguenti criteri:

“1 ° Presentare e mantenere tutte le garanzie di riservatezza, imparzialità, integrità e indipendenza. In particolare, il laboratorio abilitato e il suo personale non devono essere impegnati in attività incompatibili con la loro indipendenza di giudizio e la loro integrità rispetto alle attività analitiche per le quali il laboratorio è abilitato. Il laboratorio accreditato non deve essere di proprietà di un produttore, importatore, distributore o rivenditore di prodotti del tabacco e non deve essere controllato, direttamente o indirettamente, da questi. In quanto tale, il fatturato di un laboratorio riconosciuto non deve derivare in misura significativa da rapporti commerciali con produttori, importatori, distributori o rivenditori di prodotti del tabacco;

“2 ° Avere le competenze e le attrezzature necessarie per eseguire le analisi di cui all'articolo L. 3512-15;

"3 ° Alla data di presentazione della domanda di approvazione, essere accreditati secondo la norma NF EN ISO / CEI 17025 dal Comitato di accreditamento francese (COFRAC) o da qualsiasi altro ente di accreditamento europeo equivalente firmatario del accordo multilaterale stipulato nell'ambito del coordinamento europeo degli organismi di accreditamento, per l'esecuzione dei campioni e delle analisi oggetto della richiesta di accreditamento.

- Art. D. 3512-9-4. - I. - Il laboratorio riconosciuto informa immediatamente l'istituto pubblico di cui all'articolo L. 3512-15 di qualsiasi situazione che potrebbe non consentirgli più di soddisfare una o più condizioni del riconoscimento.
Costituiscono motivo di sospensione o revoca del riconoscimento il mancato rispetto di una o più condizioni di approvazione, il ritardo nell'invio di tali informazioni al suddetto istituto pubblico, nonché false dichiarazioni. La decisione di revocare l'approvazione è presa dall'ente pubblico. In precedenza, il laboratorio interessato è invitato a presentare le proprie osservazioni.

“II. - L'istituto pubblico di cui all'articolo L. 3512-15 valuta le informazioni fornite dal laboratorio al momento della domanda di approvazione e ogni volta che viene rinnovata. Può chiedere a quest'ultimo ogni ulteriore informazione necessaria per effettuare tale valutazione.

- Art. D. 3512-9-7. - Ai fini del controllo, il laboratorio riconosciuto invia all'ente pubblico di cui all'articolo L. 3512-15 i risultati delle analisi previste dal presente articolo, in conformità alle specifiche tecniche per la trasmissione informatica e la presentazione dei risultati delle analisi specificati. da questo.
“Il laboratorio informa immediatamente il suddetto istituto pubblico di qualsiasi anomalia o non conformità dei risultati delle analisi. "


La grande domanda sarà ovviamente sapere quali laboratori saranno “autorizzati” a fare le analisi. Ovviamente questo potrebbe complicare l'approvazione di un laboratorio come LFEL, ad esempio, che ha un interesse per le sigarette elettroniche.


- Art. D. 3513-10. - I. - Le tasse di cui all'articolo L. 3513-12 e III dell'articolo R. 3513-6 sono riscosse dall'ente pubblico di cui all'articolo L. 3513-10.
“II. - Il loro importo è fissato come segue:

"1 ° Euro 550 per prodotto elencato in qualsiasi notifica o modifica sostanziale della notifica, prevista dall'articolo L. 3513-10;
"2 ° 120 di euro per prodotto e per anno per lo stoccaggio, elaborazione e analisi delle notifiche di cui all'articolo L. 3513-10.

“III. - La prova del pagamento della quota di cui al 1 ° di II è allegata al fascicolo di notifica.
Il dazio di cui al 2 ° del II viene pagato entro e non oltre il 31 dicembre dell'anno in cui il prodotto dichiarato è sul mercato, e questo dal primo anno di notifica.
“IV. - Il recupero dei diritti di cui al punto I è effettuato dal contabile dell'ente pubblico di cui all'articolo L. 3513-10. "


A prima vista ci si può sentire rassicurati dal prezzo delle notifiche perché erano previsti prezzi molto più alti. Ora, devi ricordare che questi importi sono calcolati per prodotto e che le piccole società di e-liquid potrebbero non essere in grado di seguirle. Una triste realtà ... Il prezzo delle notifiche ridurrà il numero di e-liquid disponibili e rallenterà chiaramente l'innovazione. Molti proprietari di piccole imprese molto probabilmente dovranno chiudere l'attività o limitarsi a ridurre drasticamente i loro riferimenti per tagliare i costi.


  • In deroga al termine previsto dall'articolo L. 3513-10 del codice della sanità pubblica, possono essere inviate notifiche fino al 1 ottobre 2016 per svapare prodotti che sono il mercato è previsto per 1er January 2017In deroga al termine previsto dall'articolo I del D. 3512-9-5 del codice di sanità pubblica, i laboratori hanno un termine standard fino al 15 novembre 2016 per richiedere l'accreditamento per il 2017. I laboratori autorizzati, alla data di pubblicazione del presente decreto, ad effettuare le analisi di cui all'articolo L. 3512-15 del codice di sanità pubblica, possono continuare a eseguire queste analisi fino al 20 maggio 2017.

A poco a poco si comincia a vedere più chiaramente anche se mancano ancora molte informazioni che arriveranno nei prossimi decreti. Sperando di non avere poi troppe brutte sorprese.

Fonte : Decreto No. 2016-1139

Com Inside Bottom
Com Inside Bottom
Com Inside Bottom
Com Inside Bottom

Circa l'autore

Redattore e corrispondente Svizzera. Vapoteuse da molti anni, mi occupo principalmente di notizie svizzere.