STUDIO: il pericolo di sapori chimici per inalazione!

STUDIO: il pericolo di sapori chimici per inalazione!


UNO STUDIO SULL'AROMATIZZAZIONE DI PRODOTTI CHIMICI


Nuovi risultati del test del sapore nelle sigarette elettroniche sollevano dubbi sulla sicurezza dei prodotti attualmente utilizzati e sul tipo di regolamento appropriato per un'applicazione nel settore degli e-cigs. Negli Stati Uniti, un'indagine su due marchi con cartucce usa e getta (BLU e NJOY) si sono verificati e livelli molto elevati di sostanze chimiche aromatizzanti sono stati rilevati in mezza dozzina di diversi sapori, secondo uno studio pubblicato sulla rivista " Controllo del tabacco«.

I ricercatori hanno analizzato solo gli e-liquidi e non hanno cercato di esplorare i possibili effetti sulla salute dei vapers, in breve questo studio consente solo di porre alcune domande. Lo studio della sicurezza della sigaretta elettronica o dei possibili misfatti causati da questi può essere fatto solo a lungo termine perché l'uso di vaporizzatori personali non è abbastanza importante e non è durato abbastanza a lungo essere fatto a breve termine e identificare i prodotti potenzialmente pericolosi.

« Ovviamente, le persone non hanno usato queste e-sigarette per anni 25, quindi non ci sono dati per sapere quali sono le conseguenze dell'esposizione a lungo termine Ha detto l'autore principale dello studio, James Pankow, un chimico alla Portland State University in Oregon. Effettivamente " Se non puoi guardare i dati longitudinali, devi guardare cosa c'è dentro e porsi domande su cosa siamo preoccupati«.

In questo studio, i ricercatori hanno misurato la quantità di sostanze chimiche presenti in 30 diversi gusti e-liquid compresi alcuni sapori popolari come "chewing gum, zucchero filato, cioccolato, uva, mela, tabacco, mentolo, vaniglia, ciliegia e caffè". Hanno scoperto che gli e-liquid contengono 1 et 4% sostanze chimiche aromatizzanti, che equivale a circa 10 a 40mg / ml.


UNA PREOCCUPAZIONE TOSSICOLOGICA?


La conclusione ovviamente solleva domande sugli effetti sulla salute, comunque Seoul Composti chimici 6 24 usato per aromatizzare gli e-liquid fa parte di una classe di sostanze chimiche chiamate "aldeide", note per essere irritanti per il sistema respiratorio. Secondo Pankow e i coautori Le concentrazioni di alcune sostanze chimiche aromatizzanti negli e-liquid sono sufficientemente elevate che l'esposizione inalatoria è un problema tossicologico". Questa conclusione, tuttavia, non significa che queste sostanze chimiche siano tossiche a livello di dosaggio trovato. I ricercatori hanno calcolato che in media un vapoteur esposto all'inalazione di circa e-liquido 5ml e ha stabilito che diversi marchi espongono il vapoteur a livelli di sostanze chimiche che sono ben al di sopra dei limiti di esposizione sicurezza sul posto di lavoro. " Alcuni vapers sono quindi esposti cronicamente al doppio di ciò che è tollerato in un luogo di esposizione chimica Disse Pankow.

I limiti sul posto di lavoro sono stabiliti per coloro che lavorano nella produzione di caramelle o commestibili piante, ed è questione di limiti di esposizione per le aziende e-sigaretta utilizzare gli stessi additivi alimentari per creare e-liquid solo in molte caramelle o altri alimenti. Questi aromi alimentari sono regolati dalla FDA, ma non esiste un regolamento per l'uso nelle e-sigarette. Non vi è alcun obbligo o etichettatura obbligatoria per i sapori aggiunti come si trova nel cibo.

Inoltre, come sottolineato dalla FEMA (Associazione dei produttori di estratti aromatici), gli standard FDA per l'uso di queste sostanze chimiche negli alimenti sono basati sulla loro ingestione e non sulla loro inalazione. E anche se l'esposizione è importante, il tuo stomaco non ha la stessa tolleranza su questo tipo di prodotto e può incassare cose molto più importanti.


IL SEGUITO DI UNO STUDIO CONTROVERSO GIÀ RILASCIATO A GENNAIO?


Ad esempio, l'ingestione di piccole quantità di formaldeide come accade quando consumiamo frutta e verdura non comporta alcun rischio per noi. Il nostro corpo produce persino formaldeide che galleggia nel nostro sangue e non ci danneggia. Ma inalare la formaldeide, soprattutto se è una quantità significativa per un lungo periodo, è stata associata a diversi tipi di cancro. Infatti, Pankow è il coautore di uno studio sulla formaldeide nella sigaretta elettronica che era stato pubblicato nel " New England Journal of Medicine A gennaio (Capiamo meglio tutto questo ora!)

Questo studio, scritto da David Peytonun altro chimico della Portland State University non poteva e non poteva concludere che le e-sigarette fossero pericolose. E come in questo studio, ha solo sollevato domande sulla regolamentazione. " È un peccato che questo sia chiamato Vapoter, che implica vapore e quindi acqua Ha detto Peyton quando l'ho intervistato per questo studio a gennaio. Il liquido della sigaretta elettronica è molto lontano dall'acqua e non sappiamo se ci sono effetti dannosi a lungo termine. " Nel frattempo, penso che sia un errore parlare di sicurezza ", ha detto Peyton prima di dire" Sì, è ovviamente meno pericoloso di altre cose, ma parlarne come un prodotto totalmente sicuro è neanche una cosa buona. »


NON CONFONDERE IL CONSUMO E L'INALAZIONE DEL CIBO ...


Peyton non ha partecipato a questo studio sulle sostanze chimiche aromatizzanti, ma ha suggerito che ci sono ragioni per considerare la regolamentazione delle sostanze chimiche utilizzate negli e-liquid. Una sostanza chimica ampiamente utilizzata per aromatizzare la ciliegia o chewing gum ad esempio è la " benzaldeide E la National Library of Medicine ha identificato questo prodotto come potenzialmente causa di una vasta gamma di effetti avversi sulla salute a seconda della dose utilizzata. Questi includono reazioni allergiche, infiammazione della pelle, insufficienza respiratoria e irritazione degli occhi, del naso o della gola.

« Per dirla semplicemente, se fossi un vaper, vorrei sapere cosa consumo Disse Peyton. " E non fraintendetemi, se questi ingredienti non sono certificati sicuri per essere inalati, sono buoni per cucinare e il consumo non è un argomento pertinente. »

Fonte : forbes.comLo studio sul controllo del tabacco in inglese (Traduzione di Vapoteurs.net)

Com Inside Bottom
Com Inside Bottom
Com Inside Bottom
Com Inside Bottom

Circa l'autore

Co-fondatore di Vapoteurs.net in 2014, da allora sono editore e fotografo ufficiale. Sono appassionato di Vape ma anche di fumetti e videogiochi.