STUDIO: i vapers sono molto meno esposti ai prodotti tossici e cancerogeni dei fumatori.

STUDIO: i vapers sono molto meno esposti ai prodotti tossici e cancerogeni dei fumatori.

Ecco una buona prova che la sigaretta elettronica continua a fare la sua piccola rivoluzione. Nel Regno Unito, ricercatori del Dipartimento di Epidemiologia e Sanità pubblica University College London ho appena pubblicato sulla rivista " Annals of Internal Medicine Uno studio che dimostra che i livelli di sostanze tossiche e cancerogene trovate nei vapers sono molto inferiori a quelli dei fumatori di sigarette.


IL PRIMO STUDIO A LUNGO TERMINE MIGLIORA L'E-SIGARETTA!


Nessuno studio ha ancora confrontato gli effetti a lungo termine delle sigarette elettroniche e del tabacco sul corpo. E 'fatto, con i risultati che i ricercatori del Dipartimento di Epidemiologia e Sanità pubblica presso l'University College di Londra (Regno Unito) hanno appena pubblicato sulla rivista " Annals of Internal Medicine ".

Questi mostrano, tra gli ex fumatori passati alla sigaretta elettronica, una significativa diminuzione della concentrazione di prodotti tossici nel corpo, rispetto alle concentrazioni riscontrate nei fumatori. Un beneficio che, secondo lo studio, si perde quando la sigaretta elettronica è associata ad un consumo di sigarette convenzionali. Finora, solo due studi di linee cellulari e uno studio su animali hanno misurato le concentrazioni di droghe tossiche di e-liquidi e vapori.

Nitrosammine, acrilonitrile, acroleina, acrilamide, ossido di etilene ... Gli scienziati hanno cercato la presenza dei principali tabacco tossico nei campioni di urina e saliva 181 partecipanti, i fumatori (cinque o più sigarette al giorno) o ex fumatori per almeno sei mesi. Essi sono stati divisi in cinque gruppi uguali: i fumatori di sigarette, i fumatori anche utilizzando terapia sostitutiva della nicotina (cerotti, gomme da masticare), quelli che consumano entrambe le sigarette classica ed elettronica, gli utenti di sostituzione della nicotina non fumatori e e infine, vapers esclusivi.


SOSTANZE CARCINOGENE COINVOLTE NEL CANCRO DEL POLMONE RIDOTTE CON 97% IN VAPOTE!


Primo risultato: la quantità di nicotina è circa la stessa per tutti i partecipanti, indipendentemente dal mezzo di consegna utilizzato. La differenza più drammatica è soprattutto il livello di nitrosammine specifiche del tabacco, sostanze cancerogene coinvolte nel cancro ai polmoni: sono ridotti di 97% in vapers esclusivi rispetto ai fumatori.

« Può sembrare sorprendente trovare queste sostanze altamente cancerogene negli utenti di sigarette elettroniche ", li nota Professor Bertrand Dautzenberg, pneumologo all'ospedale Pitié-Salpétrière (AP-HP, Parigi). "Infatti, la nicotina pura non esiste, dal momento che quando viene estratta dal tabacco, vengono assunte le nitrosammine. Questo spiega perché si trova in piccole quantità in liquidi per sigarette elettroniche contenenti nicotina, continua. Lo standard Afnor (April 2015) per le sigarette elettroniche e i loro liquidi incoraggia i produttori di E-Liquid a scegliere la nicotina con il minimo possibile di impurità».

Relative ad alcuni composti organici volatili (VOC), tossici, concentrazioni molto inferiori a quelle che si trovano nei fumatori stati trovati tra vapoteurs e tra ex fumatori utilizzando NRT. "Queste molecole non sono specifiche del tabaccodice Bertrand Dautzenberg. Pertanto, troviamo l'acrilonitrile, un cancerogeno potenzialmente pericoloso classificato cancerogeno per l'uomo, nell'industria tessile o nella produzione di materiali tossici. 1,3-butadiene è un cancerogeno provato che proviene dalla combustione di materiali organici come petrolio, carbone e gas, afferma il pneumologo. Infine, questi composti organici volatili non sono mai totalmente assenti dai nostri organismi.»

Secondo il professor Dautzenberg, "questi primi risultati ottenuti in una situazione reale confermano solo i fatti molto attesi " : la sigaretta elettronica non è una panacea, ma rimane un male minore. Questi nuovi dati spingono gli autori a prendere posizione. "Il passaggio alle e-sigarette, con totale cessazione del fumo, potrebbe portare un beneficio significativo alla salute dei fumatori, poiché riduce l'esposizione agli agenti tossici e cancerogeni del tabacco.Sottolineano.

«D'altra parte, l'uso di questo dispositivo non consente di eliminare l'esposizione (e quindi i possibili rischi per la salute). Un arresto completo di tutti i prodotti di nicotina rimane l'opzione migliore per evitare il pericolo". I ricercatori, consapevoli dei limiti del loro studio, soprattutto a causa del numero limitato di partecipanti, sperano che altri seguiranno.

Fonte : Figaro.fr /Annals.org

Com Inside Bottom
Com Inside Bottom
Com Inside Bottom
Com Inside Bottom

Circa l'autore

Redattore capo di Vapoteurs.net, il sito di riferimento sulle notizie dello svapo. Impegnata nel mondo dello svapo da 2014, lavoro tutti i giorni in modo che tutti i giornalisti e i fumatori siano informati.