GIORDANIA: La FDA sta attaccando tabaccherie e negozi che vendono sigarette elettroniche.

GIORDANIA: La FDA sta attaccando tabaccherie e negozi che vendono sigarette elettroniche.

In Giordania, il Food e amministrazione della droga (JFDA) sospese l'attività delle tabaccherie 19 e chiuse gli stabilimenti 41 che vendevano tabacco senza la licenza. Ci sono dozzine di e-sigarette e prodotti di vape che sono stati sequestrati.


UNA CAMPAGNA DI SORVEGLIANZA PER COMBATTERE L'E-SIGARETTA


La Food and Drug Administration (JFDA) ha recentemente lanciato una campagna di sorveglianza per combattere la vendita illegale e non regolamentata di prodotti del tabacco, comprese le sigarette elettroniche. Lo scorso maggio 19, il Consiglio dei ministri ha incaricato la JFDA di monitorare e controllare il commercio e la vendita di prodotti "elettronici" o non legati al tabacco.

Finora, la campagna ha portato al sequestro di kit 104 di sigarette elettroniche e narghilè, ha riferito l'agenzia di stampa giordana Petra. L'amministrazione ha inoltre distrutto le fiale 470 di e-liquid che non rispettavano i requisiti generali di qualità, sicurezza e produzione, secondo la dichiarazione JFDA. Allo stesso tempo, il rapporto JFDA afferma che più di e-sigarette 88 prodotte da un produttore sconosciuto, sono state confiscate durante questa campagna di più giorni.

Come parte delle sue attività, JFDA ha condotto visite sul campo 129 a tabaccherie e uffici. Gli stabilimenti 93 si impegnano a non vendere più sigarette elettroniche o prodotti vaping. Gli incriminati stabilimenti sono stati informati delle multe pendenti da stabilire in seguito a procedimenti giudiziari in corso, si legge nella nota.

All'inizio di maggio, il governo giordano aveva già annunciato una tassa 200% sulle sigarette elettroniche, gli accessori per la vaporizzazione e gli e-liquidi come parte degli emendamenti alla legge fiscale speciale.

Com Inside Bottom
Com Inside Bottom
Com Inside Bottom
Com Inside Bottom

Circa l'autore

Avendo una formazione in specialista della comunicazione, mi prendo cura da un lato dei social network Vapelier OLF ma sono anche editore di Vapoteurs.net.