GIUSTIZIA: Il poliziotto vittima di un degasaggio della batteria per e-sigaretta espulso dalla giustizia!

GIUSTIZIA: Il poliziotto vittima di un degasaggio della batteria per e-sigaretta espulso dalla giustizia!

Due mesi fa ti abbiamo presentato qui questo caso tra un ufficiale di polizia che ha subito una degassazione della batteria in un negozio di sigarette elettroniche. Accusando il venditore di non averlo informato, ha rivendicato 3000 € al marchio che aveva venduto il prodotto. Oggi, la corte di Lille ha deciso di licenziarlo.


IL GUASTO DEL VENDITORE NON È STATO DEMONTREE!


Il 12 March 2016, il CRS è chi è nel cortile della sua caserma vede subito i suoi pantaloni prendere "fuoco". Infatti, la batteria che è in tasca e in contatto con alcune monete. Quasi due anni dopo, non è ancora tornato al lavoro e ha subito due trapianti di pelle dopo ustioni di terzo grado dentro il polpaccio destro.

Agli occhi della vittima, difeso dall'avvocato Alexia Navarroquesta misteriosa esplosione potrebbe provenire solo dal contatto tra la pila e le monete. Accusando il negozio di sigarette elettroniche, dichiarò 3000 euro per danni. Il negozio Marcus ha assicurato, da parte sua, di aver venduto la batteria con un manuale utente.

Alla fine, il poliziotto è stato licenziato dalla corte di Lille. " La corte ha ritenuto che non abbiamo dimostrato la colpa commessa dal venditore "Dice Alexia Navarro, avvocato della vittima. " È possibile che facciamo un appello Lei aggiunge.

Com Inside Bottom
Com Inside Bottom
Com Inside Bottom
Com Inside Bottom

Circa l'autore

Avendo una formazione in specialista della comunicazione, mi prendo cura da un lato dei social network Vapelier OLF ma sono anche editore di Vapoteurs.net.