SVIZZERA: nessun accordo tra la Swiss Vape Trade Association e l'industria del tabacco!

SVIZZERA: nessun accordo tra la Swiss Vape Trade Association e l'industria del tabacco!

In seguito al verdetto del 24 del tribunale amministrativo federale di aprile 2018, che ha annullato il divieto di vendita di liquidi elettronici contenenti nicotina, ilUfficio federale per la sicurezza alimentare e gli affari veterinari (UAVV) ha organizzato una tavola rotonda con le varie associazioni e parti interessate del settore al fine di evitare che i prodotti di vape vengano venduti ai minori.


UNA TAVOLA ROTONDA PER EVITARE LA VENDITA DI E-SIGARETTE AI MINORI!


Commercianti e produttori svizzeri di sigarette elettroniche e liquidi, nonché dell'Associazione dei professionisti di Vape (Swiss Vape Trade Association - SVTA), non ha trovato alcun accordo con l'industria del tabacco. Sebbene l'industria del tabacco sostenga l'età degli anni 18 per la vendita di sigarette elettroniche, la parità di trattamento per i prodotti del tabacco per un'efficace protezione dei minori non ha vinto la maggioranza. Ecco perché l'SVTA ha deciso di affidarsi al proprio codice di condotta (Codex): i membri firmatari e le aziende si impegnano a fornire una protezione vincolante e significativa per i minori.

« Prendiamo molto seriamente la protezione dei giovani Dice Rachel Jossen, un membro del comitato SVTA. " La nostra associazione è molto chiara sull'argomento: i nostri membri vietano la vendita di dispositivi o prodotti a base di vape contenenti nicotina a meno di 18 anni '.

Per SVTA questo non significa un cambiamento nella pratica: sin dall'inizio dell'Associazione, l'industria si è impegnata a fornire prodotti contenenti nicotina esclusivamente ai fumatori adulti.

Al fine di rafforzare ed estendere la protezione dei minori, l'SVTA ha chiesto al panel dell'UAVV di introdurre anche un limite di età di 18 per prodotti del tabacco (sigarette, sigari, ecc.). " Sfortunatamente, ci siamo trovati in opposizione all'industria del tabacco in materia ". Solo il rivenditore stia, che vende anche sigarette elettroniche, ha accolto favorevolmente questa idea e ha anche chiesto che una lettera di intenti sia firmata da tutti i concorrenti e dall'industria del tabacco.

« Pertanto, un consenso alla tavola rotonda non è possibile Dice Rachel Jossen. La domanda sul perché l'industria del tabacco sostenga l'età della vendita di oggetti e prodotti dello svapo dagli anni 18, ma vuole ancora vendere sigarette molto dannose ancora all'età di 16 anni, è rimasta senza risposta.

Per questo motivo, SVTA ha aggiunto un paragrafo aggiuntivo nel suo codice: " I liquidi senza nicotina possono essere già somministrati ai fumatori di età superiore a 16 ai fini della riduzione del rischio "Dice Rachel Jossen, » l'obiettivo è offrire agli adolescenti la possibilità di consumare una sigaretta mortale o prodotti 95% meno dannosi, come i vaporizzatori personali. La teoria diffusa da ideologi e lobbisti che i vaporizzatori personali fungono da porta per il tabacco è stata confutata da vari studi. "

Durante la tavola rotonda, l'SVTA ha ripetutamente chiesto che i vaporizzatori personali fossero usati come parte di Strategia delle dipendenze nazionali Per ridurre al minimo danni e rischi. Mentre il Ministero della Sanità del Regno Unito raccomanda ufficialmente l'uso di vaporizzatori personali come alternativa al fumo e suggerisce che i fumatori finiscono nel fango, la Svizzera continua a ricorrere a alternative meno efficaci come terapie e farmaci. " Non sorprende quindi che il tasso di fumo in questo paese sia rimasto stazionario al 25,3% da 2011 Dice Rachel Jossen.

Pertanto, l'SVTA invita i politici svizzeri ad avere un interesse più attivo per l'argomento in futuro. L'SVTA fa riferimento all'esempio della Gran Bretagna, dove un nuovo rapporto sulle opportunità offerte dai dispositivi elettronici a vapore è stato pubblicato su 16 July 2018 dal comitato scientifico e tecnologico (comitato scientifico e tecnologico). La prima frase del sommario afferma: " Le sigarette elettroniche offrono l'opportunità di ridurre drasticamente i tassi di fumo e combattere così la più grande causa di morte nel Regno Unito oggi '.

Fonte : Presseportal.ch/

Com Inside Bottom
Com Inside Bottom
Com Inside Bottom
Com Inside Bottom

Circa l'autore

Appassionato di giornalismo, ho deciso di unirmi al team editoriale di Vapoteurs.net in 2017 per occuparmi principalmente di notizie di vape in Nord America (Canada, Stati Uniti).