SVIZZERA: Il supporto delle e-sigarette e in particolare della nicotina non fa piacere a tutti!

SVIZZERA: Il supporto delle e-sigarette e in particolare della nicotina non fa piacere a tutti!

In Svizzera, la nuova legge sui prodotti del tabacco e le sigarette elettroniche dovrebbe vietare la pubblicità per tutti questi prodotti e non solo per il tabacco. È quanto afferma il Dr. Rainer Dr. Kaelin, ex vicepresidente dell'Associazione polmonare svizzera.


POLICY, NICOTINA E CONFLITTO DI INTERESSI!


Il febbraio 19, l'uranais liberale-radicale Josef Dittli Sorpreso la Commissione per la salute del Consiglio degli Stati, suggerendo di reintrodurre il divieto di pubblicità per rendere il progetto di legge sui prodotti del tabacco e le e-sigarette compatibile con la Convenzione quadro (FCTC) del CHI! E 'stato tanto più inaspettato che in 2016 lo stesso senatore aveva innescato il rinvio della legge per rimuovere i divieti della pubblicità ... Ha poi affermato che non c'era alcuna prova che la pubblicità avesse un'influenza sul consumo di tabacco.

Per capire meglio, è necessario un promemoria: Josef Dittli, divenne presidente di Curafutura (associazione di assicurazione sanitaria), gli assicuratori CSS Helsana, Sanitas, CPT, nonché il gruppo Mutuel oggi evocano i costi delle malattie non trasmissibili, comprese quelle causate dal tabacco. Da parte sua, l'industria del tabacco ha per due anni l'opinione pubblica per rendere plausibile il suo riorientamento, il cui simbolo iconico è "fondamento per un mondo senza fumo". Philip Morris (PM) paga la sua fondazione "indipendente80 milioni di dollari annuali per uno "smettere di fumare durante questa generazione". Questo è il messaggio che il presidente di questa fondazione, il Dr. Derek Yach, inviato a CHI e al pubblico svizzero.

In 2017, Derek Yach ha suscitato sfiducia dichiarando che voleva "eliminare le sigarette ovunque". Prima ancora, quando era ancora un dirigente dell'OMS, ha messo in guardia i ricercatori contro le vere intenzioni dell'industria. Oggi è rassicurante: "... È l'industria del tabacco che è cambiataHa detto. CEO di PM, André Calantzopoulos, vuole anche sostituire le sigarette con alternative migliori contenenti, in base al gergo promozionale, "90-95% meno agenti tossici". Dichiara che questi prodotti, come IQOS, "offrirci un modello di business sostenibile'.

"Con il loro sostegno alla sigaretta elettronica, gli addictologi banalizzano banalmente la nicotina, creano una grande dipendenza e ingannano il loro pubblico"

Questo modello, tuttavia, non può essere onesto dal business del tabacco e dei prodotti "alternativaÈ quello di reclutare clienti dalla dipendenza da nicotina. Il pubblico di riferimento rimane giovane, particolarmente sensibile a questo approccio. Perché se solo i fumatori adulti si scambiassero la sigaretta per queste novità, il mercato sarebbe uscito. Per proporre uno scenario del genere, l'industria non è credibile. L'e-sigaretta Juul, venduta in Svizzera dal dicembre 2018, per esempio, ha causato negli Stati Uniti un'epidemia tra gli adolescenti dipendenti resi da un dispositivo che spruzza un assorbito rapidamente la nicotina, che gli ha permesso di diventare il numero uno e -Sigarette. È paragonabile a Marlboro in 1956, la prima sigaretta la cui nicotina passa più velocemente al cervello attraverso l'aggiunta di ammoniaca.


A PHILIP MORRIS FINANZIAMENTO IN VAPE E CANNABIS!


Non sorprende che il PM stia finanziando diversi miliardi di franchi Juul Labs. Il suo ingresso nella capitale di Cronos, una compagnia di cannabis, segue la stessa logica, quella di rendere dipendenti i suoi clienti. Juul Labs garantisce tuttavia si rivolge solo ai fumatori adulti che vogliono smettere di fumare. Questo concetto di "riduzione del rischioÈ supportato da "esperti". il Il professor Etter dell'Istituto di salute globale di Ginevra, ad esempio, assicura 2013 che "la sigaretta elettronica è una rivoluzione", Un guadagno per la salute pubblica, dovremmo promuoverlo.

A novembre 2017, l'apice delle dipendenze ha spiegato che lo svapo sarebbe stato "95% meno dannoso del tabacco da fumo". Questa affermazione non è scientifica e si basa sui sentimenti soggettivi di alcuni specialisti del tabacco. Cosa possiamo dire oggi della tossicità dello svapo quando sappiamo che ci sono voluti cinquant'anni di studi per concludere che il tabacco? Con il loro sostegno alla sigaretta elettronica, gli addictologi paradossalmente banalizzano la nicotina, creano dipendenza e ingannano il pubblico. Il buon senso dovrebbe prevalere: proteggere i giovani dalla dipendenza è più economico e più efficace vietare la pubblicità di tutti i prodotti di nicotina piuttosto che trasmettere farmaci con il pretesto di limitare il fumo degli adulti.

Il concetto di rischio inferiore era una volta la base della commercializzazione delle sigarette con filtro eluce", Reso popolare tra un pubblico giovane. Cosa vuole l'industria "un mondo senza fumoÈ altrettanto falso. Il senatore Dittli ed i suoi colleghi parlamentari farebbero bene a non cadere nella trappola di adottare un divieto di pubblicità, promozione e sponsorizzazione di tabacco con le eccezioni per i prodotti ad presumibilmente più sicuri. Dovrebbero invece andare alla fine del processo iniziato.

Nei paesi che hanno adottato le misure FCTC, l'epidemia di tabacco è diminuita drasticamente, mentre nel nostro paese, secondo l'ultimo rapporto di Addiction Switzerland (che riflette la situazione prima della vendita di Juul), lo svapo di nicotina sta diventando il nuovo standard per i giovani con conseguenze imprevedibili e certamente non banali.

Fonte : Letemps.ch

Com Inside Bottom
Com Inside Bottom
Com Inside Bottom
Com Inside Bottom

Circa l'autore

Avendo una formazione in specialista della comunicazione, mi prendo cura da un lato dei social network Vapelier OLF ma sono anche editore di Vapoteurs.net.