SVIZZERA: La sigaretta elettronica cerca di trovare il suo posto nonostante le polemiche

SVIZZERA: La sigaretta elettronica cerca di trovare il suo posto nonostante le polemiche

Con l'inizio della vendita di e-liquidi alla nicotina e l'arrivo del colosso americano Juul de la vape a Zugo, lo svapare si è fatto un nome in Svizzera quest'anno.


LEGALIZZAZIONE DI NICOTINA, VENDITA A MINORI ...


Con l'inizio della vendita di liquidi con la nicotina e l'arrivo del gigante americano dello svapo a Zugo, lo svapare si è fatto un nome in Svizzera quest'anno. Ma è la vendita ai minori che è stata al centro del dibattito intorno alla sigaretta elettronica.

Con il divieto di acquistare liquidi di nicotina in Svizzera, la sigaretta elettronica era abbastanza discreta. La situazione cambiò improvvisamente alla fine di aprile con la decisione del Tribunale amministrativo federale che autorizzò con effetto immediato l'importazione e la vendita di fiaschi di nicotina per sigarette elettroniche, in conformità con le regole di Cassis de Dijon.

La vendita di sigarette elettroniche è stata quindi trovata senza regole, in particolare sulla vendita ai minori, in attesa della nuova legge sul tabacco. Al fine di colmare le lacune nella protezione della gioventù, l'Ufficio federale della sicurezza alimentare (UAVV) ha invitato rappresentanti di professionisti del settore a una tavola rotonda per cercare soluzioni.

In due mesi quest'estate, è stato possibile istituire l'autoregolamentazione del settore delle sigarette elettroniche. " L'USV è molto soddisfatto del risultato, ma è principalmente dovuto al coinvolgimento delle società interessate", Sottolinea Stefan Kunfermann, portavoce dell'USAV. Su base volontaria, alcuni venditori hanno concordato di non vendere questi prodotti ai minori tramite un codice di condotta.

La questione della vendita ai minori è riemersa rapidamente con l'annuncio dell'arrivo di Juul in Svizzera alla fine dell'anno. La sigaretta elettronica numero uno negli Stati Uniti è oggetto di critiche perché molti adolescenti hanno adottato il loro prodotto attraverso l'Atlantico. Da allora l'azienda ha cambiato strategia di marketing e rimosso alcuni sapori, i più popolari tra i giovani, dalla sua offerta.


L'ARRIVO DEL FRACASSANTE DI JUUL E LA RIDUZIONE DEL RISCHIO


Per fermare la controversia che l'ha seguita in Svizzera, l'azienda si è posizionata via d'uscita dal fumo Al 1,78 milioni di fumatori adulti in Svizzera. Ha firmato il codice di condotta riguardante l'età minima delle sigarette elettroniche per i giovani e le restrizioni sulla pubblicità.

Juul ha largamente conquistato il mercato americano grazie ad un prodotto contenente un alto livello di nicotina che è riuscito a sedurre molti fumatori che hanno smesso di fumare. Il suo successo in Europa, tuttavia, non è assicurato. Per l'UE e quindi per la Svizzera, il limite massimo di nicotina è fissato a 20 mg per millilitro di liquido, mentre negli Stati Uniti i prodotti Juul contengono fino a 59 mg di nicotina per millilitro.

Questa controversia sulle vendite ai minori ha relegato il potenziale per ridurre i rischi delle sigarette elettroniche sullo sfondo. Poiché la nicotina è altamente coinvolgente, ai non fumatori è vivamente sconsigliato l'uso di sigarette elettroniche. Ma può essere un'alternativa per i fumatori, poiché secondo gli specialisti è 95% meno pericoloso della sigaretta a combustione.

È un modo di consumare nicotina senza la maggior parte dei prodotti tossici contenuti nelle sigarette di combustione. Le conseguenze sulla salute a lungo termine non sono ancora note.

Quasi due terzi dei fumatori (61%) vogliono smettere. Rinunciare completamente alla nicotina è, per alcuni, un passaggio troppo difficile, ecco perché il centro di dipendenza Suchthilfe Ost di Olten (SO) ha recentemente proposto un nuovo programma che integra lo svapo.

Con 25% della popolazione di oltre 15 che fuma, la Svizzera è uno dei peggiori studenti nella lotta al tabacco. Ogni anno, le persone 9500 muoiono prematuramente a causa del fumo (cioè 15% dei decessi in Svizzera). È in discussione una nuova bolletta del tabacco, che potrebbe entrare in vigore in 2022.

Fonte : Agefi.com/

Com Inside Bottom
Com Inside Bottom
Com Inside Bottom
Com Inside Bottom

Circa l'autore

Avendo una formazione in specialista della comunicazione, mi prendo cura da un lato dei social network Vapelier OLF ma sono anche editore di Vapoteurs.net.