Top banner
SALUTE: smettere di fumare riduce rapidamente il rischio di ictus!
SALUTE: smettere di fumare riduce rapidamente il rischio di ictus!

SALUTE: smettere di fumare riduce rapidamente il rischio di ictus!

Uno studio finlandese mostra un legame tra la diminuzione dell'emorragia meningea nel paese e il calo del fumo.


UNO STUDIO PROVA ANCORA UNA VOLTA L'INTERESSE A SMETTERE DI FUMARE!


 Il mese scorso, uno studio finlandese ha dimostrato che una singola sigaretta al giorno era sufficiente per aumentare il rischio di emorragia subaracnoidea, la forma di ictus più rara ma anche più fatale: è caratterizzata dalla rottura di un vaso sanguigno che causa l'interruzione dell'irrigazione al cervello. Un altro dato che induce ansia riguardo al tabacco, quindi.

Ma un nuovo studio condotto dalla stessa équipe dell'Università di Helsinki e pubblicato a metà agosto sulla rivista Neurologia, ora ci insegna che questo rischio scompare molto rapidamente nelle persone che hanno smesso di fumare. In effetti, i ricercatori hanno notato che la forte diminuzione del numero di emorragie cerebrali in Finlandia coincide con la diminuzione del fumo nel paese.

«Fondamentalmente, questi risultati non sono sorprendenti. Gli studi hanno già indicato che il fumo è uno dei fattori più importanti di vulnerabilità alle emorragie subaracnoidee. Tuttavia, è straordinario vedere l'incidenza delle malattie cardiovascolari diminuire così rapidamente in così poco tempo.», È sorpreso Jaakko Kaprio, direttore dell'Istituto di medicina molecolare della Finlandia, coautore dello studio.

I loro risultati mostrano che tra il 1998 e il 2012 l'incidenza dell'emorragia subaracnoidea è diminuita del 24%, da 11,7 a 8,9 per 100.000 persone. Allo stesso tempo, il fumo è diminuito del 30%. Questo tipo di ictus subisce anche un drastico calo nelle persone di età inferiore ai 50 anni, dove è diminuito del 45% per le donne e del 38% per gli uomini. Allo stesso tempo, l'età media di insorgenza dell'infortunio è passata da 54 a 57 anni.

Per arrivare a questi risultati, i ricercatori hanno incrociato i dati dei registri finlandesi della mortalità e dell'Istituto nazionale per la salute e il benessere. Questo declino di l'incidenza è tanto più importante in quanto questa malattia è spesso fatale. "Il tasso di mortalità a un mese è di circa il 40% e probabilmente siamo sottodiagnosticati, stima Yannick Béjot, capo del dipartimento di neurologia generale, vascolare e degenerativa CHU Digione. In caso di morte improvvisa, molte famiglie rifiutano l'autopsia della vittima, sia per shock che per convinzioni personali.»

Secondo il neurologo, lo studio dei finlandesi “è molto rilevante. Possiamo vedere un legame reale e forte tra il tabacco e l'emorragia subaracnoidea. Anche se l'ipertensione è anche un fattore di rischio, la diminuzione più significativa si ha in una fascia di età, inferiore ai 50 anni, poco interessata da questa patologia arteriosa.'.

«Questa è la prova che, essendo proattivi nella prevenzione, possiamo davvero agire sulla frequenza di una malattia."Continua Yannick Béjot. per Marie Softeland Sandvei et Souvik Sen, Ricercatori norvegesi che non hanno partecipato allo studio ",questi risultati dovrebbero incoraggiarci a continuare i nostri sforzi per prevenire il fumo: questo è un motivo in più per smettere di fumare'.

In Francia, più di 140.000 AVC, di cui quasi l'emorragia meningea di 3000, vengono conteggiati ogni anno, mentre il fumo colpisce ancora il 32% della popolazione, nonostante le numerose proposte del governo. "Purtroppo, osserviamo una tendenza inversa a quella dei finlandesi con un aumento dell'emorragia meningea nelle donne, spiega Yannick Béjot, la cui ricerca è attualmente nel registro dell'ictus di Digione. Ciò può essere spiegato da una mancanza di efficacia nella prevenzione dell'uso del tabacco».

FonteSante.lefigaro.fr

Com Inside Bottom
Com Inside Bottom
Com Inside Bottom
Com Inside Bottom

Circa l'autore

Avendo una formazione in specialista della comunicazione, mi prendo cura da un lato dei social network Vapelier OLF ma sono anche editore di Vapoteurs.net.