SVIZZERA: Helvetic Vape chiede la fine dello scandalo sulla salute pubblica delle sigarette elettroniche.

SVIZZERA: Helvetic Vape chiede la fine dello scandalo sulla salute pubblica delle sigarette elettroniche.

In un comunicato stampa 22 lo scorso dicembre, l'associazione svizzera, Helvetic Vape, propone un appello per la fine dello scandalo sulla salute pubblica relativo allo svapo.

Come siamo arrivati ​​a credere che i prodotti vaping siano prodotti del tabacco e che cosa si debba fare per rompere lo scandalo dell'impasse imposto dall'esecutivo nazionale?l?

Per capire, è necessario esporre il gioco perverso che l'esecutivo è stato impegnato in questi ultimi anni sullo svapo. In 2009, poco dopo la comparsa di prodotti vaping nel nostro paese, l'Ufficio federale della sanità pubblica (UFSP) decide unilateralmente di vietare la vendita di prodotti contenenti nicotina e limita la loro importazione per uso personale attraverso una semplice lettera amministrativa. Questo è un bene, articolo 37 della nuova ordinanza sugli alimenti e oggetti di uso quotidiano (ODAlOUs), che è stata appena aggiornata da questa stessa amministrazione in collaborazione con l'Ufficio per la sicurezza alimentare e gli affari veterinari (OSAV) stipula, con la più grande delle coincidenze e per proteggere l'industria farmaceutica, che sia vietato aggiungere sostanze che conferiscano loro proprietà farmacologiche ai soliti oggetti che entrano in contatto con le mucose. Perfetto, l'UFSP lo userà per dare una parvenza di legalità al suo divieto, presa ufficialmente con il pretesto che i rischi relativi allo svapo non sono ancora noti. Più prosaicamente per proteggere l'industria farmaceutica dall'aspetto dei concorrenti ai farmaci sostitutivi della nicotina. Un piccolo problema insignificante sorge comunque dopo la frettolosa elaborazione degli ODAlOU, i prodotti del tabacco sono soggetti all'articolo 37 dell'ordinanza. La mancanza di riflessione dell'amministrazione e il suo desiderio di compiacere l'industria farmaceutica portano quindi a rendere illegali tutti i prodotti del tabacco. Ma fortunatamente nessuno, nemmeno la lotta contro il tabacco, userà questo articolo per vietare immediatamente la vendita di prodotti del tabacco. È quindi un piccolo insetto senza conseguenze spiacevoli per l'amministrazione ...

Va notato che i dubbi sui rischi di svapo erano comprensibili al momento. Ci sono stati pochi studi scientifici, anche se un'attenta revisione di questi studi ha già mostrato il basso potenziale di rischio di vaping (lo studio 2009 della FDA ha mostrato livelli di nitrosamina nei liquidi vaping ma in un simile a quelli trovati negli inalatori di nicotina farmaceutici). Tuttavia, la decisione affrettata e irriflessa dell'UFSP si concentra sulla nicotina, implicando che è responsabile dell'incertezza dello svapo in quel momento. Ma l'incertezza coinvolto l'inalazione di glicole propilenico, glicerolo, aromi alimentari ed eventuali tracce di contaminanti o composizione senza nicotina prodotti, la loro debitamente autorizzati dal BAG alcun limite di età per acquisto. Il divieto dell'UFSP non era quindi inteso a proteggere la salute pubblica, ma serviva solo a proteggere uno status quo: l'industria del tabacco rende le persone malate, l'industria farmaceutica le tratta e tutte il mondo sta facendo un sacco di soldi, tutto va bene. Il divieto di vendita di prodotti di vaping contenenti nicotina ha anche fornito una visione minacciosa del malinteso secondo cui questi prodotti sono più pericolosi dei prodotti da banco da banco e richiedono una regolamentazione severa.

Il fatto che la vendita di prodotti di vaping contenenti nicotina sia "proibito" da una semplice lettera amministrativa piuttosto che da una vera e propria decisione amministrativa impedisce qualsiasi azione legale. È necessario attendere 2015 in modo che venga denunciato lo stratagemma della proibizione pseudo-amministrativa dell'UFSP e che inizi la vendita aperta di liquidi contenenti nicotina. Pugno e lotta, l'UFSP incontra l'OSAV per riflettere sulle misure da prendere di fronte alla sfida. Non c'è modo di consentire prodotti vapotage nicotines, Bill sui prodotti del tabacco (LPTab) il capo del dipartimento, che artificialmente cercare di assimilare prodotti vapotage, è in rotta e dovrebbe essere presentata al Parlamento a breve. Poiché i prodotti di svapo sono soggetti alla legge sui prodotti alimentari e per la casa (LDAI), è l'USVA competente a prendere una decisione e ad attenersi ad essa.

Nello spazio di 24 ore, assistiamo a un tour de force del Dipartimento federale dell'interno (DFI). L'USVA prende una decisione amministrativa che afferma, senza alcuna base scientifica, che i prodotti di svapo di nicotina sono pericolosi e dovrebbero essere vietati. Nel frattempo, l'onorevole Berset presenta in silenzio il suo progetto LPTab al Parlamento e ai media, insistendo sul fatto che è essenziale legalizzare i prodotti di vaping contenenti nicotina per ridurre i rischi. La manipolazione è flagrante, il vapotage è stato utilizzato da Mr Berset per passare al progetto LPTab. L'onorevole Berset, a prescindere da considerazioni di sanità pubblica, ha preferito continuare a limitare l'accesso a uno strumento di riduzione del danno e del rischio per servire i suoi progetti politici. In tal modo, ha soffocato il dibattito necessario sul danno e la riduzione del rischio nella massa informe, polarizzata e obsoleta di sterili discussioni sul "tabacco".

I prodotti vaping non sono prodotti del tabacco. Il tardo progetto LPTab ha usato un tocco kafkiano per cercare di assimilarli. È una pura visione della mente da parte dell'esecutivo. Un punto di vista contrario alla volontà del Parlamento, che si è espresso in 2011 quando ha deciso di escludere i prodotti vaping dalla tassazione del tabacco. Se i prodotti vaping erano prodotti del tabacco, non potevano sfuggire all'imposizione sul tabacco. Il rifiuto di quest'anno del progetto di assimilazione LPTab conferma ancora una volta che il Parlamento non considera i prodotti vaping come prodotti del tabacco. Quindi, perché l'esecutivo, trasmesso dai media che non analizzano la situazione, continua a voler credere che il rifiuto del progetto LPTab ritarderà ulteriormente la legalizzazione dei prodotti di vaping di nicotina in una nuova bolletta del tabacco?

È tempo di porre fine alla manipolazione politica che va contro la salute pubblica. I prodotti vaping sono regolati dal LDAl. Non sono esclusi dal suo ambito di applicazione dal nuovo LDAl perché non sono prodotti del tabacco. Pertanto, non vi è alcun motivo per non regolarli immediatamente in questo contesto. E che l'esecutivo non viene a dire che è impossibile. Niente nella LDAl, vecchia o nuova versione, lo impedisce. Il ridicolo paragrafo, la cui fuorviante interpretazione è stata usata per anni per ritardare artificialmente l'immissione sul mercato di prodotti che consentono ai consumatori di nicotina di ridurre i rischi e i danni alla loro salute, si trova in un semplice ordine scritto dal amministrazione e approvato dall'esecutivo, non nella legge approvata dal Parlamento. Inoltre, in un ordine in corso di revisione da parte dell'esecutivo che si prese cura di ricreare il vecchio articolo 37 61 nel nuovo articolo per perpetuare l'illusione di un'incapacità di regolare rapidamente i prodotti vapotage nicotines per promuovere il progetto LPTab che utilizza vaping come carota.

Deve essere denunciato lo scandalo del trattamento da parte di DFI dello svapo negli ultimi anni. Mentre, grazie alla vapotage nicotina, il fumo già più di 6 milioni di europei hanno fermato e nel corso 9 milioni significativamente ridotto il loro consumo di carburante di tabacco, la Svizzera è in ritardo a causa di divieto amministrativo di vendita senza base scientifica o legale. Il numero di voti nel nostro paese è ridicolmente basso rispetto ai paesi in cui è consentito vendere prodotti vaping contenenti nicotina. Qualsiasi politica o misura volta a limitare l'accesso degli utenti di nicotina a una soluzione di riduzione del danno e del danno senza una buona ragione è contraria alla salute pubblica. C'è un bisogno urgente, le persone 9'500 muoiono prematuramente ogni anno nel nostro paese a causa di una forma obsoleta, pericolosa e liberamente disponibile di consumo di nicotina: tabacco affumicato. Questo è 95 volte più dei decessi correlati alla droga, 31 volte più delle morti sulla strada e 8 volte più dei decessi correlati all'alcol. Cosa stiamo aspettando?

Lo svapare non è una minaccia ma un'opportunità. Fa parte di una duplice logica: da un lato, la scelta informata e volontaria degli individui che si prendono carico della loro salute riducendo il loro comportamento rischioso sulla base di informazioni imparziali piuttosto che su ingiunzioni paternalistiche, d'altra parte l'emergere di nuovi concorrenti intraprendenti, dinamici e innovativi di fronte ai vecchi attori tradizionali nel mercato della nicotina, in particolare l'industria del tabacco e l'industria farmaceutica. Questi due fattori associati hanno sconvolto i vecchi paradigmi e creato un quadro favorevole per una nuova politica pragmatica basata sulle opportunità piuttosto che sulle paure. I prodotti vaping non sono prodotti del tabacco o prodotti farmaceutici. Non hanno nulla a che fare con la legislazione specifica per questi due settori particolari.

Lo stato attuale delle conoscenze scientifiche sullo svapo è riassunto in due rapporti inglesi di autorità sanitarie di fama mondiale, in particolare per il loro lavoro pionieristico sul fumo negli anni '50.

- Public Health England (PHE), E-cigarettes: un aggiornamento delle prove (Agosto 2015)

- Royal College of Physicians, Nicotina senza fumo - Riduzione del danno del tabacco (Aprile 2016)

Queste due rispettabili istituzioni stimano a meno dell'5% il rischio relativo di svapo a lungo termine rispetto al tabacco affumicato in base ai prodotti attualmente disponibili sul mercato, senza una regolamentazione pesante e senza standard specifici (questo mercato è in rapida evoluzione, i prodotti domani sarà ancora meno rischioso).

« ... il rischio per la salute derivante dall'inalazione a lungo termine di prodotti di vaporizzazione di aerosol oggi disponibili non dovrebbe superare il 5% del danno causato dal tabacco affumicato. Nicotina Royal College of Physicians senza fumo - Riduzione del danno del tabacco

Concludono che è necessario incoraggiare e promuovere la conversione dei fumatori allo svapo attraverso un ambiente incentivante e facilitare l'accesso ai prodotti vaping. Sono supportati nel loro approccio da molti attori nella lotta contro il tabacco: Azione sul fumo e sulla salute, Associazione dei direttori della sanità pubblica, British Lung Foundation, Cancer Research UK, Facoltà di sanità pubblica, Fresh North East, Azione di sanità pubblica (PHA), Royal College of General Practitioners, Royal Society for Public Health, Tobacco Free Futures, UK Centre for Tobacco and Alcohol Studies e UK Health Forum. Il lavoro di documentazione e analisi svolto da PHE e RCP per raggiungere le loro conclusioni non ha alcun equivalente pubblicato in Svizzera. Queste relazioni aprono un modo efficace di combattere per ridurre il fumo non opponendosi più ai consumatori di nicotina in una relazione infantilizzante, ma lavorando con loro per assumere il controllo della loro salute attraverso strumenti per la riduzione del danno e il danno. . A parte il tabacco, la sola nicotina, per non dire senza combustione, non crea molto dipendenza. Presenta un profilo di rischio per la salute dell'utente simile a quello della caffeina. Negli Stati Uniti, l'Istituto Schroeder per la ricerca sul tabacco e gli studi politici e l'Iniziativa della verità "Inspiring tobacco-free lives", due entità molto impegnate nella lotta al fumo, hanno appena pubblicato un rapporto che chiede un ripensamento della nicotina e dei suoi effetti. :

- Pr. Raymond Niaura, Ripensando alla nicotina e ai suoi effetti (Dicembre 2016).

Questa prudente relazione menziona in particolare che " un notevole numero di prove indica che relativamente poco del danno causato dal fumo è dovuto alla nicotina, che, con alcune eccezioni, è accettabile a livelli di dose che rientrano nell'intervallo solitamente consumato dai consumatori tabacco e droghe sostitutive alla nicotina in self-service. Una strategia importante per ridurre potenzialmente i danni al pubblico è quella di consentire ai sistemi alternativi di somministrazione di nicotina (ANDS), che sostituiscono il fumo, consentendo così ai fumatori di ottenere nicotina senza esporli alla nicotina. Prodotti di combustione fatale E sottolinea nelle sue conclusioni che " c'è un continuum di danno tra prodotti combustibili e non combustibili contenenti nicotina. Una buona politica di salute pubblica deve riconoscere questo continuum e sfruttare questa conoscenza per spostare le persone che continuano a fumare il più rapidamente possibile a prodotti meno dannosi per la produzione di nicotina.«.

Non possiamo più permetterci di fare il contrario in Svizzera. L'esecutivo non può da un lato sostenere la strategia nazionale per la prevenzione delle malattie non trasmissibili (Strategia MNT) e la strategia delle dipendenze nazionali continuando a giocare con la salute degli utilizzatori di nicotina. Il piano di misurazione 2017-2024 della strategia MNT, che rientra nella voce 3.4 dell'agenda di sviluppo sostenibile 2030 delle Nazioni Unite, prevede nel suo ambito di azione 1:

« In linea con la strategia NCD, vengono sviluppati programmi di prevenzione e promozione della salute esistenti per migliorare l'efficacia della prevenzione del cancro, delle malattie cardiovascolari, delle malattie croniche delle vie respiratorie, del diabete e dei disturbi. muscolo-scheletrico. Come finora, è per prevenire il fumo, l'abuso di alcool, una dieta squilibrata e uno stile di vita sedentario in tutte le fasi della vita. Gli individui sono supportati nei loro sforzi per ridurre questi fattori di rischio, costruire fattori protettivi e sviluppare stili di vita sani. In questo modo, vengono rafforzate le capacità di salute e la responsabilità delle persone. Gli approcci della fase di vita e dell'ambiente di vita sono rafforzati e le pari opportunità sono incoraggiate. Le esperienze dei programmi di prevenzione e promozione della salute e i risultati di studi scientifici forniscono un'ampia base di conoscenze sull'efficacia delle misure. Costituivano il quadro di riferimento nella definizione delle misure. »

Ridurre i fattori di rischio non significa solo "astinenza totale". Orientare, informare e facilitare il passaggio a modalità di consumo a basso rischio è essenziale per supportare le persone che usano la nicotina. Se è essenziale prevenire il consumo di tabacco affumicato (fumo), è a causa della combustione che genera monossido di carbonio, catrami e particelle fini solide. L'incendio delle piante, indipendentemente dal campo, produce un fumo estremamente dannoso che causa una grande proporzione di malattie non trasmissibili. Secondo lo studio Global Burden of Disease di 2015 (GBD 2015, The Lancet) Il fumo di tabacco (quindi la combustione) è la fonte di 44% del DALYs (anno di vita aggiustato per la disabilità) in Svizzera correlato a malattie respiratorie croniche, 24% di DALY correlato al cancro e 14,5% DALY correlati a malattie cardiovascolari. È quindi soprattutto la lotta contro la combustione a ridurre drasticamente i fattori di rischio per le malattie non trasmissibili. Deve essere combattuto informando adeguatamente la popolazione sui rischi delle diverse modalità di consumo di nicotina e di altre sostanze e promuovendo l'adozione di modelli di consumo non bruciati. Si può, naturalmente, fantasticare su un mondo ideale senza tabacco e senza nicotina, come si è sognato di un mondo senza droghe. L'esperienza mostra il fallimento di questo tipo di progetto.

Indipendentemente dalla gravità della repressione dell'uso di sostanze, gli individui continuano a consumarlo. Il principio del danno e della riduzione del rischio è un approccio pragmatico che è stato dimostrato in molti campi (sicurezza stradale, controllo dell'AIDS, politica sulle droghe, ecc.), È giunto il momento di applicarlo al consumo di nicotina in Svizzera, come stipulato in 3.1.3 del piano di misurazione 2017-2024 della strategia delle dipendenze:

« Ampliamento della riduzione del rischio: applicato principalmente alle sostanze illegali finora, l'approccio alla riduzione del danno - che consiste nel limitare il danno associato a comportamenti a rischio e nell'impostare offerte che non sono accessibili solo a astinente - dovrebbe essere esteso a tutte le forme di dipendenza quando sembra appropriato e necessario. » .

Tutti gli elementi sono in atto per una regolamentazione rapida e moderata dei prodotti vaping nell'ambito del LDAl al fine di offrire sicurezza e disponibilità agli utenti di nicotina. Tutti gli elementi tranne la volontà dell'esecutivo. Quale nuova scusa potrebbe trovare per continuare a fare nulla nonostante l'ovvia urgenza? Due ricorsi contro la decisione dell'USVO dinanzi al Tribunale amministrativo federale (FAT) sono ancora pendenti. L'esecutivo potrebbe usare questo fatto per estendere il divieto, sostenendo che le sue mani sono legate finché la corte non raggiunge una decisione. In attesa di essere costretto da una decisione della corte di riconsiderare le sue scelte pericolose, piuttosto che mostrare finalmente il suo senso di responsabilità. Sarebbe un'altra manipolazione. In qualsiasi momento, l'USVA può ritirare la sua decisione che vieta la vendita di prodotti di vaping contenenti nicotina, estinguendo così le procedure, rese discutibili, prima del TAF. Se il signor Berset ha un po 'di brio, dovrebbe cogliere l'occasione per essere un buon giocatore. Tutti possono sbagliarsi, non è così male finché correggi i tuoi errori.

I prodotti di svapo sono poco rischiosi per la salute e non richiedono una regolamentazione pesante. D'altra parte, hanno molti benefici per la salute pubblica. Il LDAl fornisce già la struttura necessaria per garantire la sicurezza degli utenti. Una normativa semplice e di facile comprensione per gli utilizzatori di nicotina garantirà una migliore adozione dello strumento di riduzione del rischio e del danno che sta svapando. Deve essere accompagnato da informazioni chiare e imparziali sui profili di rischio delle diverse modalità di consumo di nicotina. La salute pubblica svizzera ha già sofferto enormemente dello scandalo provocato ostinatamente da un esecutivo in modo illogico e deleterio. È giunto il momento di correggere la colpa.

Fonte : Helvetico Vape

Com Inside Bottom
Com Inside Bottom
Com Inside Bottom
Com Inside Bottom

Circa l'autore

Redattore capo di Vapoteurs.net, il sito di riferimento sulle notizie dello svapo. Impegnata nel mondo dello svapo da 2014, lavoro tutti i giorni in modo che tutti i giornalisti e i fumatori siano informati.