Top banner
Top banner
SVIZZERA: l'associazione affronta la pubblicità del tabacco e Philip Morris

SVIZZERA: l'associazione affronta la pubblicità del tabacco e Philip Morris

In un articolo pubblicato sul sito Press Portal", l'associazione svizzera per la prevenzione del fumo affronta la pubblicità del tabacco ma soprattutto Philip Morris e il suo sistema di tabacco riscaldato IQOS. Secondo l'associazione Philip Morris ha fatto un " professione di fede come opportunista quanto ipocrita Dichiarando a favore di smettere di fumare.


»RIDUCENDO IL DOLORE PER MANTENERE LA PORTA APERTA»


Un mondo senza fumo, una grande opportunità per l'industria del tabacco? In ogni caso, questo è il modo l'associazione svizzera per la prevenzione del fumo giudicare il comportamento di Philip Morris.

« Per l'ultimo anno, Philip Morris International è stata rimarcata da un'affermazione assurda: il gruppo vuole sfuggire al fumo. Nelle interviste ad alto impatto, i rappresentanti della multinazionale hanno cantato le lodi di un mondo in cui nessuno fumerebbe. Philip Morris ha persino creato la Fondazione per un mondo senza fumo per raggiungere questo ideale. La multinazionale si preoccupa della salute di fumatori e fumatori.«

Ma la Svizzera questa strategia di comunicazione associazione è in realtà una facciata, una campagna di marketing che ha avuto inizio nel 2017 per affrontare un problema che l'intera industria del tabacco deve affrontare: il fatto che le sigarette tradizionali vendere meno bene di prima, almeno in Occidente.

Secondo l'associazione l'obiettivo è abbastanza chiaro: ridurre la nocività utilizzando i sistemi di tabacco riscaldati per mantenere la porta aperta.

« Dichiarandosi a favore di un mondo senza fumo, Philip Morris cerca di lasciare la nave nel modo più vantaggioso possibile. La sua professione di fede appiana la sua immagine e gli consente di portare nuovi prodotti in gara. In effetti, la società del tabacco ha già trovato una soluzione a qualsiasi problema di salute posto da sigarette: i nuovi dispositivi elettronici che riscaldano il tabacco e sono sottilmente commercializzati come una moda alternativa e meno dannosi. In Svizzera, questo nuovo prodotto si chiama iQos. Anche le basi per un mondo senza fumo si sta muovendo in questo senso, perché quando i colloqui multinazionali sul mondo senza fumo, non è che per sradicare "tutte le sigarette e altre forme di tabacco bruciato", come il spiega il sito web della fondazione.«

E per sottolineare le sue osservazioni, l'associazione svizzera evoca il fatto che questa famosa "professione di fede" non riguardi paesi come l'Indonesia, ad esempio.

"In Svizzera, Philip Morris dice di essere preoccupato per la salute della popolazione di fumatori e fumatori. Ma ovviamente, quando un rappresentante di un gruppo sogna un "mondo senza fumo", non parla di tutto il mondo. In effetti, non parla nemmeno della Svizzera. Semplicemente non significa niente. Ma suona bene e può potenzialmente portare denaro. "

Infine, l'associazione sottolinea il fatto che è attualmente in corso un'iniziativa: "Sì alla protezione di bambini e giovani contro la pubblicità del tabacco". Come promemoria, uno studio di Addiction Switzerland ha rivelato che uno su sei giovani tra 15 e 17 ha già ricevuto un articolo promozionale come regalo dall'industria del tabacco.

Com Inside Bottom
Com Inside Bottom
Com Inside Bottom
Com Inside Bottom
Com Inside Bottom

Circa l'autore

Redattore e corrispondente Svizzera. Vapoteuse da molti anni, mi occupo principalmente di notizie svizzere.

Laisser une réponse