SVIZZERA: nessuna riduzione della pubblicità del tabacco?

SVIZZERA: nessuna riduzione della pubblicità del tabacco?

In Svizzera, la nuova legge sui prodotti del tabacco vieterebbe la pubblicità su giornali, cinema e cartelloni pubblicitari. La promozione ai festival sarebbe ancora consentita.

I tempi sono difficili per i circoli di prevenzione. Dopo l'affondamento della revisione della legge sull'alcol lo scorso anno, per mancanza di una maggioranza, è la revisione della legge sui prodotti del tabacco (LPTab) che riceve un gelido benvenuto in parlamento. Il comitato per la sicurezza sociale e la salute Consiglio degli Stati (CSSS-E) sta attualmente studiando il progetto e sarà il primo a decidere giovedì. Il pacco potrebbe essere restituito al mittente, Alain Berset.


pub1"Non vietiamo il marketing per le auto per ridurre gli incidenti"


La fionda viene dal PLR polacco Josef Dittli, recentemente eletto in parlamento. Per lui, tutto non deve essere gettato nella legge. Appoggia quindi il divieto di vendita a meno di 18 anni. D'altra parte, respinge tutte le disposizioni volte a limitare la pubblicità: "È chiaro che tutto deve essere fatto per impedire ai giovani di fumare, ma agli adulti deve essere permesso di fare quello che vogliono. Non vietiamo il marketing per le auto al fine di ridurre gli incidenti. Questa non è una soluzione moderna in una società liberale"Dice. Per quanto riguarda il rafforzamento delle misure preventive per i giovani, spetterà al Consiglio federale tornare con nuove proposte.

Il socialista di Ginevra Liliane Maury Pasquier, chi siede al CSSS-E, non è ottimista: "Ne discuteremo, ma temo che la maggioranza della commissione sia a favore di questa proposta di rinvio.»


Il colpo è duro


Per i circoli di prevenzione, il colpo è duro. Nel presentare il progetto, sono stati unanimi nel giudicare le proposte del Consiglio federale come insufficienti. Hanno chiesto il divieto di tutte le forme di promozione delle sigarette, tra cui sumirando ai giovani. Ma la nuova legge sui prodotti del tabacco consentirà comunque azioni di marketing in festival come Paleo. Basti dire che un riferimento puro e semplice al progetto, che ritarderebbe a lungo l'adozione di una nuova legge, passa male.

La Swiss Lung League non nasconde il suo stupore. "Il Consiglio degli Stati è generalmente più aperto alle proposte di prevenzione. Lì, sembra molto brutto anche se, per noi, il conto non va abbastanza lontano. In queste circostanze, penso che non avremo alcuna possibilità al Consiglio nazionale", Rimpiange Elena Strozzi, responsabile della prevenzione all'interno dell'associazione. Spera che il disegno di legge venga salvato, perché contiene ancora alcuni progressi, come il divieto di pubblicità per le sigarette sui giornali: "Ce ne sono molti nei quotidiani gratuiti. È quindi molto mirato ai giovani.»

Qualunque decida la CSSS-E, la Lung League non ammette la sconfitta: "Se la via del Parlamento non funziona, potremmo lanciare un referendum alla fine del processo o un'iniziativa popolareElena Strozzi avverte.

Fonte : tdg.ch


Com Inside Bottom
Com Inside Bottom
Com Inside Bottom
Com Inside Bottom

Circa l'autore

Redattore capo di Vapoteurs.net, il sito di riferimento sulle notizie dello svapo. Impegnata nel mondo dello svapo da 2014, lavoro tutti i giorni in modo che tutti i giornalisti e i fumatori siano informati.