COMUNICA: Le associazioni ritirano il loro ricorso davanti al Consiglio di Stato.

COMUNICA: Le associazioni ritirano il loro ricorso davanti al Consiglio di Stato.

L'associazione "Sovape" ha rilasciato oggi una dichiarazione a seguito dell'appello davanti al Consiglio di Stato che avevamo già menzionato in un precedente articolo.


vapotage-dialogo-DGS-circolare-1080x675SOVAPE RELEASE - MERCOLEDÌ 26 OTTOBRE 2016


Benoit Vallet, Direttore Generale della Sanità, propone alle associazioni che hanno presentato ricorso prima che il Consiglio di Stato lavori in collaborazione con i suoi servizi per chiarire e stabilire insieme le modalità di applicazione dei "divieti di propaganda e pubblicità, diretti o indirettamente sullo svapo ".

Mentre i servizi sono monopolizzati dagli attacchi dell'industria del tabacco e l'approccio dell'udienza al Consiglio di Stato per la sospensione cautelare, originariamente prevista per novembre 3 2016, direttore generale della Sanità ha voluto incontrare urgentemente le associazioni per trovare una via d'uscita che possa evitare il contenzioso dannoso per la collaborazione necessaria a "scrivere lo svapo negli strumenti di aiuto per smettere di fumare" ...

Libertà di espressione e diritto all'informazione. Le associazioni erano inflessibili sui prerequisiti per la collaborazione con la Direzione Generale della Sanità. Garanzie scritte con impegno su un track record molto veloce. Le associazioni sono state anche molto esigenti nel considerare il ritiro del loro appello per aprire una nuova era basata sulla fiducia anziché sulla sfiducia. Questa posizione di "partner" sia fermi che volontari, preferendo il dialogo, ha permesso alle associazioni di riduzione del danno di ottenere risultati molto concreti negli ultimi anni.

"Il nostro obiettivo è essere in grado di includere lo svapo negli aiuti per smettere di fumare, in base allo stato delle conoscenze scientifiche. È in questo spirito che il Dipartimento ha proposto un gruppo di lavoro sui prodotti vaping. La direzione generale della salute è pienamente impegnata nella riduzione del rischio (RDR) nelle dipendenze. Questo concetto, nato a favore dei tossicodipendenti, dovrebbe consentirci di ripensare alla nostra azione e alla nostra comunicazione in merito alla lotta al tabacco. - Benoit Vallet - Mail indirizzata alle associazioni a seguito di un incontro di ottobre 18.

Nello specifico, le associazioni parteciperanno all'aggiornamento della 2014 273 25 circolare 2014-XNUMX settembre l'inquadramento della pubblicità di dispositivi elettronici di vaping. Scambi e riunioni di lavoro sono programmati in modo che questa circolare possa essere pubblicata entro gennaio 2017. L'obiettivo è fornire esempi concreti di difficoltà incontrate: eventi pubblici, comunicazione sui social network, consigli dei professionisti ai pazienti ... "Questa circolare dovrebbe entrambi partecipare a cambiare l'immagine dei prodotti vaping inviando un segnale fortee rilassare l'interpretazione dell'attuale regime legale "- Benoit Vallet - Mail. Le associazioni saranno molto vigili e, se ciò non bastasse, altre soluzioni sono state proposte come la realizzazione di un emendamento portato avanti da una legge appropriata e disponibile nel calendario legislativo.

Alla luce di questi impegni, le associazioni hanno deciso di ritirare i loro ricorsi dinanzi al Consiglio di Stato.

Data la gravità della situazione, questa decisione è stata molto difficile da prendere. Tuttavia, le associazioni hanno deciso di mostrare buona volontà e quindi essere in grado di chiedere misure più appropriate nel contesto del lavoro congiunto e del rispetto delle libertà fondamentali. Con i suoi impegni, desiderando "ascoltare la società civile", e con la fiducia delle associazioni, la responsabilità della Direzione generale per la salute è più forte che mai e per estensione quella del ministero.

Per l'esecuzione dei lavori, le associazioni lanceranno nei prossimi giorni, una consultazione pubblica per raccogliere le opinioni degli utenti (vapoteurs), gli operatori sanitari e tutti coloro che si ritengano legittimo su questioni di propaganda e di pubblicità per vapotage. Consulteranno anche i loro avvocati.

Jacques LE HOUEZEC / Presidente di SOVAPE
Jean-Pierre COUTERON / Presidente della FEDEZIANTE ADDICTION
William LOWENSTEIN / Presidente di SOS ADDICTIONS
Pierre ROUZAUD / Presidente di Tobacco & Liberty

Fonte : SovapeComunicato stampa in Pdf

Com Inside Bottom
Com Inside Bottom
Com Inside Bottom
Com Inside Bottom

Circa l'autore

Redattore capo di Vapoteurs.net, il sito di riferimento sulle notizie dello svapo. Impegnata nel mondo dello svapo da 2014, lavoro tutti i giorni in modo che tutti i giornalisti e i fumatori siano informati.