COVID-19: Il fumo è un fattore aggravante con coronavirus

COVID-19: Il fumo è un fattore aggravante con coronavirus

Questa informazione si è diffusa sempre di più negli ultimi giorni. In effetti, il fumo potrebbe costituire un fattore aggravante di fronte al coronavirus. Secondo il pneumologo Jean-Philippe Santoni, anche l'uso di cannabis che causa danni ai polmoni può essere considerato a rischio.


FUMO E CANNABIS, UN FATTORE AGGRAVANTE CON COVID-19


In questo periodo di pandemia, la soluzione migliore sarebbe ovviamente non vaporizzare e ancor meno fumare ... Tuttavia, la dipendenza è lì e non è facile staccarsi da certe abitudini in pochi giorni. Secondo il Comitato nazionale contro il fumo : » Vi sono prove evidenti che i fumatori sono a maggior rischio di contrarre [il nuovo coronavirus] e sviluppare una forma grave della malattia. Il comitato ricorda in particolare che il fumo influisce sul sistema immunitario e sulla capacità polmonare. «.

Jean-Philippe Santoni, pneumologo al Fondazione Soufflé, attesta: "Vi è davvero un aumentato rischio di forme gravi della malattia nei fumatori.". Si basa in particolare su uno studio condotto su pazienti con SARS-CoV-2 in Cina e pubblicato in Il New England Journal of Medicine. 'Impariamo che il rischio di andare in terapia intensiva e la morte va dal 5% al ​​12% per i fumatori rispetto ai non fumatori.'.

Franck Chauvin, presidente di Alto Consiglio della sanità pubblica (HSCP) specifica il rischio di fumare in questi tempi di pandemia: «Il tabacco non è certamente considerato un fattore convincente come il diabete o l'immunosoppressione. Ma tutte le persone che hanno debolezze polmonari e che hanno probabilmente BPCO (broncopneumopatia cronica ostruttiva, malattia infiammatoria cronica dei bronchi molto spesso legata al fumo, nota del redattore) devono fare attenzione: non appena si verifica un fallimento della capacità polmonare, Covid-19 rischia di rafforzare questi attacchi in modi a volte drammatici. ».


IL VAPE? LA SFocatura DEL POTENZIALE “PERICOLO” CON IL COVID-19


Se il fumo è senza dubbio un fattore aggravante del coronavirus, rimane difficile per gli esperti decidere lo svapo. Secondo il Comitato nazionale contro il fumo, è " troppo presto per dirlo". Il comitato tuttavia specifica «D'altra parte, ciò che è certo è che le particelle presenti nel vapore espirate dai vapori infetti dal coronavirus sono potenzialmente portatrici del virus. ».

Di fronte a rischi e dubbi, il Pr Yves Martinet, presidente del comitato nazionale contro il fumo, chiama i fumatori e i vapers a "fermati al più presto», O almeno non fumare all'interno del loro alloggio.

Fonte : Le Figaro

Com Inside Bottom
Com Inside Bottom
Com Inside Bottom
Com Inside Bottom

Circa l'autore

Avendo una formazione in specialista della comunicazione, mi prendo cura da un lato dei social network Vapelier OLF ma sono anche editore di Vapoteurs.net.

Laisser une réponse