Top banner
Top banner
COVID-19: Il fumo non è una soluzione terapeutica al coronavirus!

COVID-19: Il fumo non è una soluzione terapeutica al coronavirus!

Negli ultimi giorni, il basso numero di fumatori tra i pazienti affetti da coronavirus (Covid-19) ha richiamato i medici. Tuttavia, se resta da studiare l'influenza della nicotina sul virus, specialisti il ​​cui Professor Bertrand Dautzenberg attenzione: il fumo non è una cura.


LA NICOTINA SEMBRA PROTEGGERE DAL COVID-19 MA FARE ATTENZIONE ...


Il presidente del comitato scientifico responsabile della consulenza al governo sull'epidemia di Covid-19, il professor Jean-Francois Delfraissy ha riportato negli ultimi giorni informazioni sorprendenti sul virus. " Abbiamo qualcosa di molto speciale con il tabacco", Egli ha detto. " È stato riscontrato che la stragrande maggioranza dei casi gravi non sono fumatori, come se […] il tabacco fosse protetto da questo virus, tramite la nicotina. "
Mentre l'ipertensione o il diabete, comuni nelle persone che soffrono di obesità, sono fattori di rischio, questa scoperta potrebbe suggerire che il tabacco, al contrario, costituisce una barriera contro le infezioni. Un'osservazione accolta con notevoli riserve dagli specialisti del tabacco, che ritengono che siano necessari studi approfonditi e ciò le sigarette non possono in alcun modo essere considerate utili in materia di sanità pubblica.

"Il rapporto rischio-beneficio è un valido motivo di rischio" - Professor Bertrand Dautzenberg

Pneumologo e specialista del tabacco, il professore Bertrand Dautzenberg ha confermato che la percentuale di pazienti fumatori ricoverati in ospedale come parte dell'epidemia era bassa rispetto al numero di fumatori nella popolazione. Dati sostanziali lo dimostrano, tanto in Francia quanto negli Stati Uniti o in Cina. Sono attualmente in corso una serie di studi, spiega, per studiare un potenziale rallentamento della penetrazione del virus attraverso l'organismo.

Tuttavia, lo specialista del tabacco è formale: questo possibile vantaggio deve essere supportato dal lavoro di ricerca e soprattutto non deve portare la popolazione a rivolgersi al tabacco o a smettere di cerca di staccartene. " Le sigarette hanno ucciso 100 milioni di persone nel 1 ° secolo, uccideranno XNUMX miliardo nel XNUMX °“, Insiste il professor Dautzenberg, ricordando che secondo le stime si contano ogni giorno 200 morti in Francia imputabili al tabacco.

« Le sigarette non sono una soluzione terapeutica", Continua l'esperto," la relazione rischio-beneficio si dichiara fortemente a favore del rischio. "Anche se gli studi si concludessero con un effetto in qualche modo protettivo contro il virus, il fumo" non porterebbe alcun beneficio alla salute ". Per riassumere il suo punto, Bertrand Dautzenberg utilizza un'immagine significativa: " Non curare l'influenza sparandosi nei polmoni, il rimedio non deve essere peggiore della malattia".

Fonte : LCI

Com Inside Bottom
Com Inside Bottom
Com Inside Bottom
Com Inside Bottom

Circa l'autore

Avendo una formazione in specialista della comunicazione, mi prendo cura da un lato dei social network Vapelier OLF ma sono anche editore di Vapoteurs.net.