COVID-19: Verso un divieto di sigarette elettroniche e tabacco a New York?

COVID-19: Verso un divieto di sigarette elettroniche e tabacco a New York?

Anche se gli Stati Uniti sono gravemente colpiti dalla pandemia di Covid-19 (coronavirus), sorge la questione del divieto di tabacco e sigarette elettroniche a New York City. Quando il governatore Andrew Cuomo annunciato lo stato di emergenza (PAUSE Executive Order) il 22 marzo, lo Stato di New York è stato considerato il più colpito da COVID-19, con oltre 20 persone risultate positive dal SARS-CoV-2. (Covid19). Lo stesso giorno Accademia dei medici di famiglia dello Stato di New York ha preso una posizione chiedendo un divieto immediato di vendita di tabacco e sigarette elettroniche per combattere il virus.


IL NYSAFP RICHIEDE IL DIVIETO SULLA VENDITA DI TABACCO E SIGARETTE ELETTRICHE!


L'attuale pandemia sembra essere una buona scusa per forzare certe decisioni incomprensibili. In effetti, negli Stati Uniti, AFP (Accademia dei medici di famiglia dello Stato di New York) Lo Stato di New York ha recentemente sostenuto un divieto immediato di vendita di tabacco e sigarette elettroniche per combattere Covid-19 (Coronavirus).

» Mentre il nostro stato e il nostro Paese si sforzano di rispondere alla pandemia COVID-19 in rapida evoluzione e intensificazione, che colpisce i nostri residenti e che sta mettendo a dura prova il nostro sistema sanitario, crescenti prove dimostrano il legame tra il fumo e l'aumento del rischio di progressione di COVID-19 "detto Barbara keber , MD, presidente del NYSAFP.

» Ora più che mai, è essenziale che lo stato e la comunità medica agiscano per impedire ai nostri giovani di utilizzare questi prodotti altamente dannosi e letali e per aiutare i nostri pazienti a ridurre i loro rischi durante questa pandemia. Ha aggiunto.

La dichiarazione del NYSAFP afferma che uno studio ha pubblicato il 28 febbraio nel Giornale medico cinese che ha confrontato i pazienti cinesi con COVID-19 che non erano fumatori con quelli con una storia di fumo.

« Dal momento che il fumo è stato un fattore di rischio dimostrato per la progressione della malattia COVID-19, che porta ad un maggiore utilizzo dei servizi medici, in particolare dei ventilatori, speriamo che, riducendo il numero di fumatori, saremo in grado di ridurre ulteriormente lo stress / la domanda sull'offerta già limitata di risorse mediche, in particolare i ventilatori "detto Jason matuszak, MD, presidente eletto del NYSAFP.

Com Inside Bottom
Com Inside Bottom
Com Inside Bottom
Com Inside Bottom

Circa l'autore

Appassionato di giornalismo, ho deciso di unirmi al team editoriale di Vapoteurs.net in 2017 per occuparmi principalmente di notizie di vape in Nord America (Canada, Stati Uniti).