ECONOMIA: un massiccio disimpegno finanziario dall'industria del tabacco in Francia.

ECONOMIA: un massiccio disimpegno finanziario dall'industria del tabacco in Francia.

È una tendenza che sta guadagnando slancio negli ultimi mesi. In un recente comunicato stampa, L'Alleanza contro il tabacco (ACT) accoglie con favore gli annunci delle aziende di ieri Assicurazioni CNP et Crédit Agricole SA, nonché le sue filiali Amundi asset management et Crédit Agricole Assurances, per disimpegnarsi da qualsiasi investimento nell'industria del tabacco, decisioni che favoriscono la denormalizzazione di un prodotto responsabile di 75000 decessi all'anno in Francia.


TABACCO, UNA "PANDEMIA GLOBALE" CHE GUADAGNA MOLTI MILIONI DI MORTI ALL'ANNO!


In un recente comunicato stampa pubblicato il 28 maggio 2020, L'Alleanza contro il tabacco (ACT) si occupa della responsabilità sociale delle società che servono la denormalizzazione e in particolare del disimpegno finanziario dell'industria del tabacco in Francia.

Parigi, 28 maggio 2020 - L'Alleanza contro il tabacco (ACT) accoglie con favore gli annunci fatti ieri dalle società CNP Assurances e Crédit Agricole SA, nonché dalle sue controllate Amundi Asset Management e Crédit Agricole Assurances, di ritirarsi da qualsiasi investimento nell'industria del tabacco , decisioni a favore della denormalizzazione di un prodotto responsabile di 75000 decessi all'anno in Francia. Al fine di accelerare questo movimento, l'ACT ha appena firmato una partnership con una ONG australiana, Tobacco Free Portfolios, nell'ambito del suo progetto DETAF (Denormalization of Tobacco in France).

Il continuo calo della prevalenza del fumo messo in evidenza dagli ultimi dati di Public Health France pubblicati martedì dimostra l'efficacia delle politiche di prevenzione e controllo del tabacco attuate sul territorio nazionale negli ultimi trent'anni. Tuttavia, il tasso di fumo in Francia rimane uno dei più alti in Europa occidentale. È pertanto necessaria una consapevolezza più ampia dall'attuazione di nuove strategie. Ciò dovrebbe consentire di normalizzare l'uso e la percezione del tabacco al fine di far emergere entro il 2032 la prima "generazione senza tabacco", obiettivo del programma nazionale per la lotta contro il tabacco (PNLT -2018-2022).

Questa consapevolezza riguarda anche gli attori economici come parte della loro politica di responsabilità sociale delle imprese. Attraverso fondi pensione, banche, compagnie assicurative e altre organizzazioni finanziarie, alcune società, a volte senza saperlo, sostengono finanziariamente l'industria del tabacco.

Attraverso un approccio etico e responsabile ai loro investimenti diretti e indiretti, escluso il tabacco, possono impegnarsi nella lotta contro una pandemia globale che porta alla morte di oltre 8 milioni di persone all'anno.

Pertanto, accogliamo con favore gli annunci fatti ieri da CNP Assurances e Crédit Agricole SA, nonché dalle sue controllate Amundi Asset Management e Crédit Agricole Assurances, del loro impegno con l'ONG australiana Tobacco Free Portfolios per rinunciare a tutti gli investimenti nel Inoltre, nell'ambito del progetto DETAF e al fine di accelerare questa tendenza in Francia, l'Alleanza contro il tabacco ha appena firmato un accordo di partenariato con i portafogli Tobacco Free, che ha lavorato con successo per più di dieci anni per disimpegno degli operatori finanziari globali dall'industria del tabacco.

"Sono lieto della collaborazione che abbiamo appena firmato con la Tobacco Alliance. Accelererà il movimento di disimpegno dal finanziamento dell'industria del tabacco in Francia, rafforzerà la collaborazione tra il settore finanziario e il mondo della salute e invierà un messaggio chiaro ai francesi: il tabacco non è un prodotto "Normale". "Ha annunciato il Dr. Bronwyn King, CEO Tobacco Free Portfolios.

Attraverso questa collaborazione, l'ACT richiede una reale consapevolezza collettiva degli attori economici che partecipano al finanziamento dell'industria del tabacco. Oltre alla discutibile redditività finanziaria, gli investimenti in questo settore di attività non devono oscurare ciò che rappresenta nella pratica: una grave violazione del diritto alla salute, lo sfruttamento umano in particolare da lavoro minorile nei paesi in via di sviluppo e degrado ambientale a causa dell'inquinamento dell'aria, del suolo e delle acque. Invitiamo pertanto tutte le aziende interessate alla loro responsabilità sociale a contattarci per unirsi a questo movimento del "Tabacco gratuito"

Fonte : Comunicato stampa di Alliance contre le tabac

Com Inside Bottom
Com Inside Bottom
Com Inside Bottom
Com Inside Bottom

Circa l'autore

Avendo una formazione in specialista della comunicazione, mi prendo cura da un lato dei social network Vapelier OLF ma sono anche editore di Vapoteurs.net.

Laisser une réponse