STUDIO: Perché i vapers e i fumatori sono più sensibili a Covid-19?

STUDIO: Perché i vapers e i fumatori sono più sensibili a Covid-19?

Ricerche recenti delURMC (Centro medico dell'Università di Rochester) mostrano perché i fumatori e i vapers sono più sensibili a COVID-19. Un enzima chiamato ACE2 trovato nei fumatori e nei vapers è responsabile della particolare sensibilità al coronavirus.


L'INALAZIONE DELLA NICOTINA AUMENTA LA RICETTIVITÀ DEL VIRUS


Ricerca presso Centro medico dell'Università di Rochester oggi forniscono prove che spiegano perché Covid-19 (coronavirus) è peggio per le persone che fumano e svapano che per il resto della popolazione.

Irfan rahman, che gestisce un laboratorio all'URMC e studia gli effetti dei prodotti del tabacco sui polmoni, ha affermato che le persone che fumano e svapano spesso hanno alti livelli di recettori per un enzima chiamato ACE2.

» Questi recettori consentono anche al nuovo coronavirus di entrare nelle cellule polmonari. Più recettori significano più carica virale, il che significa infezioni più gravi Disse Rahman. " In realtà è piuttosto male "Ha detto.

Irfan Rahman ha affermato che le prove iniziali di nuove infezioni da coronavirus hanno dimostrato che i fumatori erano particolarmente a rischio di COVID-19, ma il meccanismo alla base della vulnerabilità non era chiaro.

Ora, secondo lui e altri ricercatori, un numero crescente di prove lo dimostra l'inalazione di nicotina aumenta la ricettività dai polmoni al virus e alla mortalità della malattia.

« I fumatori hanno maggiori probabilità di essere ammessi alle unità di terapia intensiva e hanno maggiori probabilità di morire Da COVID-19, ha detto Jason sheltzer, scienziato presso Cold Spring Harbor Laboratory da Long Island, che ha anche studiato il ruolo di ACE2 nella progressione della malattia. .

Jason Sheltzer ha affermato che i risultati della sua ricerca erano in linea con le conclusioni di Irfan Rahman.

» Il fatto che entrambi abbiamo fatto osservazioni simili sul fumo e ACE2 ci dà fiducia nella precisione sottostante delle nostre osservazioni ", ha dichiarato. Tuttavia, l'Organizzazione mondiale della sanità afferma che le prove che collegano l'uso di nicotina alla mortalità COVID-19 sono inconcludenti.

Irfan Rahman ha affermato che mentre i suoi risultati indicano che fumare o svapare la nicotina ha una correlazione particolarmente forte con elevati recettori ACE2, ciò non significa che l'inalazione di altri prodotti sia sicura.

« Questi prodotti danneggiano i polmoni perché contengono sostanze chimiche e il polmone non è destinato a sostanze chimiche. è destinato a riceverer "disse Rahman.

Fonte : Rochestercitynewspaper.com

Com Inside Bottom
Com Inside Bottom
Com Inside Bottom
Com Inside Bottom

Circa l'autore

Appassionato di giornalismo, ho deciso di unirmi al team editoriale di Vapoteurs.net in 2017 per occuparmi principalmente di notizie di vape in Nord America (Canada, Stati Uniti).