Top banner
DOSSIER: DPT 2 per manichini.

DOSSIER: DPT 2 per manichini.

A breve, ma non ancora pubblico (pochi mesi), il Parlamento europeo dovrà decidere una revisione dell'attuale DPT. Oggi è un certezza.

Dietro le quinte, la Commissione europea sta già manovrando per guidare i dibattiti dei parlamentari e le lobby tradizionali sono impegnate.

Gli elementi di adeguamento di questa nuova versione della DPT sono tutti inclusi in due documenti chiave, che sono effettivamente pubblici.

  1. Il rapporto SCHEER,
  2. e il conseguente rapporto della Commissione Europea.

Questi documenti sono complessi. Proponiamo di renderli popolari per comprendere meglio i problemi e i pericoli sullo svapo che conosciamo oggi.

È lungo, perché c'è molto da spiegare, quindi prenditi il ​​tuo tempo, un buon set-up, un buon succo, un caffè o un tè e iniziamo.

Questo è uno studio, commissionato dalla Commissione Europea a SCHEER per rispondere alla seguente domanda: le sigarette elettroniche sono più pericolose di? per non fumare ?

L'opinione del Vapelier: Fin dall'inizio, la domanda è parziale. La sigaretta elettronica è fatta per aiutare il fumatore a smettere di fumare e, come dicono da tempo tutti i sostenitori dello svapo: meglio svapare che fumare e se non fumi, non svapare!

Nella serie di domande folli che la Commissione avrebbe potuto porre:

  • Lo shampoo fa male agli occhi, devo smettere di lavarmi i capelli?
  • Mi fanno male i piedi, posso camminare con le mani?
  • Non è salutare ingoiare il dentifricio, devo lavarmi i denti fuori dalla bocca?

Sii serio : Questa è una domanda puramente tecnocratica che nessun altro avrebbe avuto la presenza di spirito di porre. Ma orientando la domanda in questa luce, il La Commissione si limita a eludere la questione centrale della riduzione del rischio del tabacco.

Il fumo ha ucciso 75000 persone in Francia nel 2015 (Salute pubblica Francia) o mezzo Covid.

Lo svapo aiuta a smettere di fumare, quindi partecipa alla lotta contro questa mortalità ed è scientificamente riconosciuto come il 95% meno dannoso del tabacco bruciato (gamma bassa, alcuni parlano del 99%, ma al momento in cui scriviamo, nessuno lo farà dico di più perché queste percentuali sono standard scientifici legati alla nozione di principio di precauzione, principio che verrà revocato quando e solo quando i già massicci dati riguardanti lo svapo, saranno ritenuti sufficienti... è così almeno in Francia, il nostro Il vicino inglese ha già considerato che questo principio di precauzione potrebbe essere revocato).

La Commissione europea, che brandisce volentieri lo spettro del principio di precauzione, ha dimenticato che la precauzione più elementare è soprattutto ridurre il numero dei decessi?

SCHEER sta per Comitato Scientifico per la Salute, l'Ambiente ei Rischi Emergenti.

In francese: Comitato scientifico per la salute, l'ambiente ei rischi emergenti (CSRSEE, è subito meno sexy…).

Il metodo è semplice: Nessun metodo, nessuna sperimentazione o protocollo scientifico.

Questo studio non viene svolto in laboratorio, ma si basa esclusivamente sui dati raccolti da tutti gli studi pubblicati al fine di ricavare statistiche.

Evitiamo accuratamente le polemiche generate da alcuni di questi studi, evitiamo di convalidare le origini o la provenienza (chi l'ha pagata, a quali condizioni è stata prodotta), evitiamo anche di mettere sul tavolo i pareri scientifici divergenti di molti fra loro...

L'obiettivo, insomma, è quello di raccogliere tutto o quanto meno ciò che arbitrariamente viene ritenuto importante, senza cercare di essere esaustivo, ma senza dimenticare di compiacere la Commissione Europea che decide i conti.

L'opinione del Vapelier: Non c'era bisogno di appellarsi a un comitato scientifico se non si trattava di fare scienza. Tanto vale nominare tre stagisti a livello BAC, ci sarebbe costato meno. Ma in un mondo in cui i dati sono deificati a scapito della pratica medica o della pura ricerca, c'è da meravigliarsi?

Nella categoria dei metodi di cartone, potremmo anche:

  • Fai una ruota della fortuna con "It's cool", "It's not cool" scritto sopra e gira.
  • O anche giocare il futuro della salute pubblica in battaglia.

Sii serio : Esistono innumerevoli studi scientifici favorevoli allo svapo. Non possiamo fingere che non esistano e non saremo mai in grado di confrontare le voci diffuse durante la crisi EVALI in cui gli studenti svapavano il THC acquistato sul mercato nero con il rapporto di Public Health England che conclude che c'è stato un forte calo di rischi con lo svapo al posto del tabacco.

La domanda che ci si può porre è quindi: era necessario rifare lavori fatti in precedenza e in condizioni molto meno parziali?

QUALI SONO LE CONCLUSIONI DEL RAPPORTO SCHEER?

  1. La prova del rischio di irritazione delle vie respiratorie a causa di un'esposizione prolungata è modérée. Tuttavia, il tasso di incidenza è faible.
  2. La prova del rischio di effetti sistemici a lungo termine è modérée.
  3. L'evidenza del rischio di tumori dell'apparato respiratorio a causa dell'esposizione prolungata a nitrosammine, acetaldeide e formaldeide è da basso a moderato. L'evidenza del rischio di effetti collaterali, cancerogeni, dovuti ai metalli nel vapore è faible.
  4. L'evidenza dei rischi di altri effetti collaterali, come le manifestazioni neurologiche dovute a malattie polmonari, è faible.
  5. Ad oggi non c'è nessuno dati specifici che mostrano che gli aromi utilizzati nell'Unione Europea presentano rischi per gli utenti di sigarette elettroniche a lungo termine.
  6. La prova del rischio di avvelenamento o lesioni da esplosione e incendio (delle apparecchiature di svapo) è forte. Tuttavia, il tasso di incidenza è credibile.
  7. L'evidenza che le sigarette elettroniche fungono da porta d'ingresso al tabacco per i giovani è moderata.
  8. La prova che la nicotina negli e-liquid favorisce la dipendenza è forte.
  9. Gli aromi hanno un contributo importante sull'attrattiva esercitata dalla sigaretta elettronica.
  10. L'evidenza del ruolo delle sigarette elettroniche nello smettere di fumare è faible. L'evidenza di questo ruolo nella riduzione del tabacco è da basso a moderato.

Traduzione:

  1. Lo svapo è più sicuro del fumo. Molto di piu.
  2. Meglio svapare che fumare, questo è certo.
  3. Non ti verrà il cancro dallo svapo.
  4. Lo svapo non ti fa impazzire.
  5. Gli aromi non sono dannosi per la salute. Abbiamo cercato, non abbiamo trovato nulla. È troppo brutto.
  6. Se fai qualcosa con il tuo set-up, può andare storto! Ma è meno comune rispetto a uno smartphone. Se svapi Unleaded 98, tossirai!
  7. Non siamo sicuri che lo svapo spinga i giovani a fumare. Dovrebbe esserci una legge che vieti lo svapo ai minori. Ah, esiste già? Ah… beh, allora va applicato o lasciato fumare ai più piccoli, in modo che non si vaporizzino.
  8. La nicotina crea dipendenza. Cosa vuoi dire, lo sapevamo già?
  9. Se togliamo gli aromi, la gente continuerà a fumare.
  10. Non smettiamo di fumare con lo svapo. Oppure ci dovrebbe essere una politica sanitaria più incentivante e meno repressiva, all'inglese perché con loro funziona meglio. Ma shhh... non abbiamo visto niente.

Insomma, la prova dell'interesse delle conclusioni del rapporto SCHEER è da basso a moderato.

 

Per dare seguito alle conclusioni del rapporto SCHEER, la Commissione Europea non ha mancato di fare un rapporto (è una moda passeggera). Quest'ultimo dice questo:

  1. Le sigarette elettroniche contengono nicotina, una sostanza tossica.
  2. La Commissione baserà le sue decisioni sulla gestione dei rischi legati alle sigarette elettroniche sul parere "scientifico" del rapporto SCHEER.
  3. Il parere in questione ha evidenziato le conseguenze delle sigarette elettroniche sulla salute
  4. et il ruolo importante che svolgono nell'insorgenza del fumo.
  5. Il parere auspica l'applicazione del principio di precauzione e il mantenimento dell'approccio attento adottato finora.
  6. Tuttavia, si dovrebbe esaminare se alcune disposizioni potrebbero essere più dettagliato o chiarito.
  7. Ad esempio le disposizioni relative ai requisiti per dimensione del serbatoio ou etichettatura
  8. O le disposizioni relative a l'uso degli aromi e l'uso di liquidi senza nicotina.
  9. O le disposizioni relative a Publicité.
  10. Nella misura in cui le sigarette elettroniche costituiscono aiuti per smettere di fumare, la loro regolamentazione dovrebbe seguire legislazione farmaceutica.

Traduzione:

  1. Abbiamo appena scoperto che il vaporizzatore usa la nicotina per compensare la mancanza di nicotina quando smetti di fumare! Portalo via da me!
  2. Abbiamo letto bene tutto, abbiamo capito tutto.
  3. La prova che lo svapo è pericoloso va da forte a ultra-super-mega forte. Non si è capito nulla del rapporto SCHEER.
  4. Dall'esistenza dello svapo, il numero di fumatori è triplicato. O quadruplicato. È dimostrato!
  5. È urgente non fare nulla di efficace per combattere il fumo. A parte aumentare le tasse: è inutile, aumenta lo sviluppo del mercato nero ma porta un max.
  6. Stiamo ancora rendendo tutto più complesso per impedire loro di svapare, potrebbe funzionare.
  7. Ridurremo le dimensioni degli atomizzatori, in particolare quelli usa e getta. È vantaggioso per tutti, li infastidirà ed è totalmente anti-ecologico. Ottima la tua idea, Marcel!
  8. Bandiremo tutti gli aromi, il rapporto SCHEER diceva che era iper-nocivo, è stato dimostrato. Sì, abbiamo letto bene! E già che ci siamo, limiteremo anche gli e-liquid senza nicotina a 10 ml.
  9. Li abbiamo banditi dalla pubblicità, ora li cacciamo sui social perché ci mangiano in mano.
  10. Daremo il bambino a Big Pharma. Così, liquidi senza aromi, sovraccarichi e su prescrizione, siamo sicuri che lo svapo non fuoriesca.

Insomma, la Commissione europea non ha compreso il concetto di riduzione rischi oppure fa finta di non capire niente.

 

È PERICOLOSO PER VAPE E SE S QUALE IMPATTO?

Poiché il Parlamento europeo dovrà decidere su una revisione dell'attuale DPT e si baserà sul rapporto SCHEER e sulle raccomandazioni della Commissione europea, la risposta è si decisamente si.

È anche molto pericoloso perché significherebbe:

  • La fine degli aromi,
  • La limitazione generale dei contenitori per liquidi non nicotinici a 10 ml,
  • Il divieto di atomizzatori ricostruibili,
  • L'acquisizione di una tecnologia nata sul campo e sviluppata da tutti gli attori del settore dello svapo da parte di Big Pharma,
  • Per non parlare di una nuova tassa che non dipenderà dal TPD ma che rimane più che probabile.

Siamo troppo pessimisti? No, per convincersene basta guardare cosa sta succedendo negli USA, in Canada e altrove, in tutto il mondo. È facile immaginare che l'Europa, e quindi la Francia, possa essere tentata di allinearsi, come ha sempre fatto.

Il rischio è immenso, in un breve lasso di tempo, di entrare in un lungo periodo di proibizione. I vapers confermati possono sempre "modificare" per cavarsela. Ma cosa ne facciamo dei 14 milioni di fumatori che rimarranno sulla sabbia?

 

È imperativo unire tutte le forze:

  • Produttori di liquidi,
  • Materiale,
  • I media dello svapo e altri,
  • Vapers,
  • gruppi Facebook,
  • Associazioni pro-vape, scienziati (quelli veri),
  • Medici… dalla Francia e non solo.

Dobbiamo informare, mobilitare ovunque, i nostri amici, i nostri genitori, gli amici dei nostri genitori, i genitori dei nostri amici, i nostri social network, per creare il ronzio.

A pochi mesi dalle elezioni presidenziali, non è troppo tardi per aumentare di peso, che è sempre mancato allo svapo.

Per iniziare, ti suggeriamo di visitare l'ottima piattaforma messa a punto da One Shot Media: jesuisvapoteur.org.

jesuisvapoteur.org ti darà tutte le informazioni di cui hai bisogno e ti permetterà anche di contattare il tuo vice, semplicemente, per informarlo e fargli conoscere la tua opposizione a questo prospetto.

Il Vapelier e Vapoteurs.net sostenere pienamente questa iniziativa.

Non siamo soli, Vaping Post si è unito al movimento e altri professionisti dello svapo o meno sono in procinto di farlo.

Amici che svapano, amici che fumano, combattiamo tutti insieme facendo sentire la nostra voce, non è troppo tardi per arrivarci.

Buon svapo e soprattutto abbi cura di te.

(c) Copyright Vapelier SAS 2014 - È autorizzata solo la riproduzione completa di questo articolo. Qualsiasi modifica di qualsivoglia natura è totalmente vietata e viola i diritti di questo copyright.
Com Inside Bottom
Com Inside Bottom
Com Inside Bottom
Com Inside Bottom

Circa l'autore

CEO di Vapelier OLF ma anche editore di Vapoteurs.net, è con piacere che lascio la mia penna per condividere con voi le notizie dello svapo.