Top banner
INTERVISTA: Incontro con Zhou Zhenyi, l'unico oratore francese ufficiale di 6me Global Forum su Nicotina

INTERVISTA: Incontro con Zhou Zhenyi, l'unico oratore francese ufficiale di 6me Global Forum su Nicotina

Era l'evento da non perdere a giugno! Il 6th edizione del Global Forum su Nicotine si è quindi tenuto a Varsavia (Polonia) dal 13 a 15 June 2019 e avevo per motto È ora di parlare della nicotina". Per l'occasione avvocati, ricercatori, esperti di politiche, consumatori erano a disposizione per discutere le ultime ricerche e le barriere normative per ridurre il rischio di fumo. L'unico di lingua francese ufficialmente invitato dall'organizzazione del GFN, Zhou Zhenyi ci dà il suo feedback e le sue impressioni su quest'ultima edizione.


INTERVISTA A ZHOU ZHENYI - SPEAKER UFFICIALE DELLA GFN19


Vapoteurs.net : Ciao, puoi presentarti e spiegare la ragione della tua presenza al Global Forum su Nicotine?

Zeta : Il mio nome è Zhou Zhenyi ma il più delle volte sono soprannominato con il mio pseudonimo "Zed". Sono un tabaccaio nel 4 ° arrondissement di Parigi e sono specializzato nella riduzione dei rischi legati al fumo. Ero presente al GFN come relatore ufficiale, controesperto, in particolare per aumentare la motivazione dei fumatori verso prodotti a rischio ridotto.
È stato un onore per me essere invitato e poter presentare il mio lavoro. Mi sentivo anche molto orgoglioso di rappresentare il mio paese come l'unico presentatore francese quest'anno. Mi è inoltre piaciuto molto partecipare alle varie conferenze che hanno dettagliato l'ultimo lavoro dei più grandi nomi della ricerca e dell'attivismo per ridurre il consumo di tabacco.

Vapoteurs.net : Qual era lo scopo del tuo intervento ?

Ho investito molto nella riduzione dei rischi del fumo da quando ho imparato a conoscere l'argomento poco più di 18 mesi fa. Investendomi in esso, ho riscoperto il mio lavoro e ho trovato un nuovo piacere nel gestire giorno dopo giorno lo sportello. È estremamente gratificante aiutare gli altri, è infatti la peculiarità della natura umana. L'uomo è un animale gregario, abbiamo bisogno di questo contatto umano. Aiutare gli altri è anche un bisogno umano fondamentale. Infatti l'azione di aiuto crea un rilascio di ossitocina, serotonina e dopamina, gli ormoni della ricompensa, spingendoci quindi a continuare questo ciclo di mutuo soccorso che struttura il nostro modo di vivere nella società. È letteralmente scritto nei nostri geni.

Molto rapidamente, ho creato un blog, un canale YouTube e gestito o gestito gruppi di lavoro su Facebook o Wechat, in base alle preferenze di tutti. Questi gruppi di lavoro riuniscono solo professionisti e creano un effetto leva reale in termini di creazione di punti di vendita efficaci nella diffusione di informazioni sulla riduzione dei rischi di fumo.

In effetti, penso che stiamo perdendo la battaglia dei media sulla vera informazione dei prodotti a rischio ridotto. L'idea era quindi quella di informare direttamente i fumatori, uno per uno, sul campo, direttamente nelle tabaccherie. Vengono fornite informazioni mirate aggirando i media tradizionali. Attraverso la vicinanza che un commerciante crea con i suoi clienti abituali, riusciamo ad instaurare un dialogo costruttivo e, a poco a poco, i fumatori si rendono conto che esiste una scelta efficiente ed economica tra fumare e smettere di fumare. »: La riduzione dei rischi del fumo che oggi punta principalmente sullo svapo, ma non solo.

 

Vapoteurs.net : Cosa intendi con la frase "principalmente sullo svapo ma non quello "?

Sto anche parlando di tabacco riscaldato e Snus. Il tabacco caldo è spesso criticato perché proviene da "Big Tobacco". Tuttavia, devi essere realistico e guardare i fatti. Il riscaldamento del tabacco è riconosciuto da un gran numero di specialisti, come per lo svapo, come uno strumento a basso rischio. Il dottor Farsalinos ne parlava su Facebook durante un live e non c'era assolutamente alcun dibattito al GFN.

Purtroppo, nella sua forma attuale, il tabacco riscaldato è piuttosto marginalizzato nell'arsenale francese di strumenti a nostra disposizione: dispositivi che possono essere migliorati su più livelli e il prezzo dei materiali di consumo è alto quasi quanto le sigarette.

Per quanto riguarda lo Snus, è il tabacco o la nicotina a diffondere. Questo viene fornito in una piccola bustina non più grande di una gomma da masticare posizionata tra la gomma e il labbro superiore. È molto discreto e diabolicamente efficace. La Svezia ha già raggiunto il suo obiettivo di una società senza fumo raggiungendo un tasso di fumo del 5%. Questo paese nordico ha anche il più basso tasso di cancro ai polmoni tra gli uomini in Europa! Questo non è il caso delle donne perché, quando guardiamo un po 'più da vicino le statistiche, vediamo che la popolazione che consuma Snus è composta principalmente da uomini.

Vedendo tali numeri, non possiamo ignorare l'impatto di Snus, è un'offerta complementare negli strumenti che possono essere offerti ai fumatori. Ho combattuto per mesi con il movimento #euforsnus per legalizzare il prodotto nell'Unione Europea dove il prodotto è vietato (tranne che in Svezia così). A novembre 2018, il movimento era riuscito ad andare alla Corte di giustizia europea per revocare il divieto. Sfortunatamente, è stato mantenuto. Per coloro che desiderano unirsi al movimento, esiste un gruppo europeo di Facebook con il quale continueremo a promuovere la legalizzazione di Snus in Europa.

Vapoteurs.net : In vista dei prodotti offerti, le aziende del tabacco erano presenti allo spettacolo ?

Sì, soprattutto i rami scientifici di diverse compagnie del tabacco che hanno partecipato principalmente alle varie discussioni. È stato interessante parlare con loro a livello scientifico e discutere la ricerca che hanno già fatto.

Quindi sì, posso capire la controversia che esiste in Francia in particolare contrapponendo l'industria dello svapo a quella del tabacco. Tuttavia, se mi metto rigorosamente dalla parte del consumatore e quindi del fumatore, accolgo con favore l'arrivo di questi fondi finanziari dal tabacco allo svapo. Preferisco di gran lunga vedere questi fondi investiti nella riduzione del rischio, sia acquistando che investendo in aziende che difendono lo svapo in modo molto efficace come Juul o in ricerche che solo queste aziende hanno la capacità di condurre su più livelli: studi epidemiologici , la relativa tossicologia di tutti i composti, in particolare i sapori, e le pressioni sui governi, ma questa volta nella giusta direzione. Ad esempio, in Nuova Zelanda, che punta a un obiettivo del 5% di fumatori entro il 2025, Philip Morris ha fatto un grande passo avanti nella lotta contro il fumo legalizzando il tabacco riscaldato. In questa breccia, lo Snus e lo svapo sono entrati e hanno permesso di avere un orizzonte molto ottimista verso una società senza fumo.

 

Vapoteurs.net : Potremmo quindi fidarci delle industrie del tabacco ?

Sia chiaro, non sono un sostenitore di "Big Tobacco" ma, in quanto sostenitore e sostenitore pubblico della riduzione del rischio di tabacco, prendo aiuto da dove proviene. È ovvio che la sfiducia è prevalente nelle informazioni divulgate dall'industria del tabacco. Del resto, chi non ricorda le cause antitrust americane dove tutti i presidenti delle varie compagnie di sigarette negavano la dipendenza creata dai loro prodotti?

Ciò che è importante è che la parola e le azioni rimangano libere. Giudichiamo il contenuto di quanto riportato soprattutto sia che si tratti di un articolo, di un video o di uno studio. Solo i fatti contano. Abbiamo ancora tra i 12 ei 14 milioni di fumatori in Francia, non credo di potermi permettere il lusso di scegliere questo o quel supporto. Ciò che conta è che i fumatori siano informati delle scelte che esistono sul mercato: principalmente svapare, magari Snus domani e perché non riscaldare il tabacco in una versione più efficiente e vincente?

Prendiamo l'esempio di Juul che ha ricevuto 12.8 miliardi di dollari da Altria. Juul in un solo momento ha voltato le spalle alla sua missione di voler migrare i fumatori verso il suo prodotto che è un prodotto dello svapo? No. Al contrario, questi fondi hanno permesso a questa società di rafforzarsi e accelerare il movimento verso un mondo senza fumo.

C'è stata anche un'intera conferenza su questo argomento "questioni di finanziamento": è molto più importante che la persona o l'organizzazione che ha ricevuto i fondi sia trasparente piuttosto che la "pulizia" della fonte.

Marewa Glover lo ha presentato perfettamente mostrando nelle immagini le origini del finanziamento. Se proviene dall'industria del tabacco, la fonte è considerata contaminata. Se proviene dal governo attraverso tasse reinvestite, verrebbe dal cielo! Ciò che conta, quando si pensa in modo pragmatico, è che le fonti esistono e non la loro origine.

Inoltre, la fonte di finanziamento non garantisce un'azione a vantaggio dei consumatori o addirittura una riduzione dei rischi. Prendiamo ad esempio l'azione del movimento "Truth and the Campaign for Tobacco Free Kids" negli Stati Uniti, che è stata una delle forze trainanti del divieto dello svapo di San Francisco e di quelli che arriveranno in altri stati Stati Uniti.

 

Vapoteurs.net : Cosa ti è piaciuto di più durante questo GFN ?

Due punti cruciali: gli scambi con tante persone appassionate del proprio lavoro e il fatto di abbandonare completamente la visione franco / francese per comprendere meglio il fenomeno a livello globale:
- Parlando con gli attivisti africani, ci rendiamo conto un po 'di più della realtà delle cose, soprattutto in Malawi e Nigeria
- C'era anche l'Australia dove il dottor Attila Danko cerca di aggirare il divieto di vendita di liquidi contenenti nicotina.
- Rebecca Ruwhiu-Collins lavora con la popolazione Maori in Nuova Zelanda coinvolgendo fortemente la sua comunità per la democratizzazione dello svapo e ponendo al centro delle azioni di consumo i valori dei Maori che risuonano efficacemente con le persone prese di mira. Un'ulteriore prova che lo svapo è un'alternativa al tabacco fumato spinto dai consumatori. - Negli Stati Uniti e nel Regno Unito sono stati condotti diversi studi con le classi lavoratrici che fumano di più e che quindi hanno più bisogno di essere indirizzate a loro.
- Con James Dunworth co-fondatore di ecigarettedirect.co.uk, è stato interessante vedere le somiglianze che abbiamo avuto nei nostri due paesi sulla necessità di informare correttamente ma anche di applicare i principi di base per una maggiore efficienza nello smettere di fumare: tiraggio stretto, alto livello di nicotina.

Per concludere, penso che non saremo in grado di convincere le persone a difendersi. La conoscenza non può essere applicata con la forza in un cervello, deve essere assorbita dall'interno, con il consenso della persona. Prima di poter costruire un'idea nella mente di qualcuno, è necessario il suo permesso, che è fondamentalmente normale.

Uno dei pilastri della riduzione del danno, e non solo del fumo, è "Enpowerment", letteralmente il potere di decidere da soli. Per un fumatore, il percorso inizia sempre con la decisione consapevole di provare un prodotto a rischio ridotto. È in questo momento che interverranno tutte le competenze per fornire le chiavi del successo attraverso informazioni condivise.

Ringraziamo Zhou Zhenyi per la sua partecipazione a questa intervista, trovalo su il suo blog ufficiale. Per saperne di più sull'ultima edizione del Global Forum su Nicotine, ti invitiamo a consultare il nostro articolo completo sull'argomento.

Com Inside Bottom
Com Inside Bottom
Com Inside Bottom
Com Inside Bottom

Circa l'autore

Editor-in-chief di Vapoteurs.net, il sito di riferimento per le notizie sullo svapo. Impegnata nel mondo dello svapo dal 2014, lavoro ogni giorno per assicurarmi che tutti i vapers e i fumatori siano informati.