Top banner
ISLANDA: un rifiuto storico della direttiva UE sul tabacco.

ISLANDA: un rifiuto storico della direttiva UE sul tabacco.

Nel febbraio 2017, l'Islanda ha istituito un legge di legge colmare un vuoto e regolamentare la vendita e l'uso delle sigarette elettroniche. Solo pochi mesi dopo, il Paese, già abituato a fare le proprie scelte ea navigare controcorrente, ha fatto una scelta storica rifiutando l'attuazione della direttiva europea sul tabacco.


L'ISLANDA NON VUOLE FARE COME I SUOI ​​VICINI EUROPEI!


Alcuni mesi fa, l'Islanda aveva pianificato di mettere in atto normative complete sui prodotti di svapo rendendo illegale la vendita di prodotti da svapo a persone di età inferiore ai 18 anni, limitando i livelli di nicotina a 20 mg per millilitro e la capacità delle bottiglie a 10 ml massimo. Ma la preoccupazione di alcuni funzionari sanitari e di negozi di svapo si è subito fatta sentire nel Paese.

Dopo pochi mesi, il parlamento islandese ha deciso finalmente di respingere la proposta di attuazione della direttiva europea sul tabacco e di nuotare controcorrente rispetto agli altri stati dell'Unione Europea. Ma questa non è la prima volta per questo paese che non è abituato a essere dettato cosa fare. Su un argomento completamente diverso, nel 2015 l'Islanda ha lasciato che le sue banche fallissero mentre assicurava alla giustizia alcuni banchieri, anche se la maggior parte dei paesi dell'UE ha deciso di pagare i debiti.

 Va notato che l'Islanda non fa parte dell'Unione Europea e quindi non aveva l'obbligo di recepire la direttiva europea sul tabacco. Se il Paese ha presentato la sua candidatura all'Ue nel 2009, secondo alcune fonti dovrebbe ritirarla ufficialmente senza passare attraverso una consultazione popolare, contrariamente alle promesse del governo.

 


LE REAZIONI SU QUESTO SU TWITTER


Com Inside Bottom
Com Inside Bottom
Com Inside Bottom
Com Inside Bottom

Circa l'autore

Editor-in-chief di Vapoteurs.net, il sito di riferimento per le notizie sullo svapo. Impegnata nel mondo dello svapo dal 2014, lavoro ogni giorno per assicurarmi che tutti i vapers e i fumatori siano informati.