Top banner
Top banner
ECONOMIA: il regolatore contesta la fusione tra Juul e Altria

ECONOMIA: il regolatore contesta la fusione tra Juul e Altria

Il gendarme della concorrenza americana, FTC, ha avviato un procedimento contro la fusione dello specialista in sigarette elettroniche Juul et Altria, titolare del marchio Marlboro, ritenendo che avesse danneggiato la concorrenza.


"DAI COMPETITORI, I DUE GRUPPI DIVENTANO COLLABORATORI" 


La Commissione federale del commercio (FTC), ha avviato un procedimento contro la fusione dello specialista in sigarette elettroniche Juul et Altria, titolare del marchio Marlboro, ritenendo che avesse danneggiato la concorrenza.

« Per diversi anni, Altria e Juul hanno gareggiato nel mercato delle sigarette elettroniche piuttosto chiuso", ha ricordato Ian conner, capo dei servizi della concorrenza presso la FTC, in una dichiarazione rilasciata mercoledì.

I due gruppi hanno tenuto sotto stretto controllo i rispettivi prezzi e innovazioni. Altria ha approfittato del suo status di attore affermato nel mercato del tabacco per negoziare spazio sugli scaffali dei rivenditori, il che non ha impedito a Juul di diventare il leader nel mercato delle sigarette elettroniche negli Stati Uniti.

Vedendosi sopraffatto, Altria poi, alla fine del 2018, “ ha orchestrato la sua uscita dal mercato delle sigarette elettroniche prima di diventare il più grande investitore in Juul“, Ha sottolineato il signor Conner.

Altria ha effettivamente investito $ 12,8 miliardi in cambio di una partecipazione del 35% in Juul nel dicembre 2018, valutando la giovane azienda a $ 38 miliardi. Affrontando costose controversie legali, Juul da allora ha visto il suo valore dissolversi e ora è stimato a $ 12 miliardi.

Altria si è inoltre impegnata inizialmente a non competere con i prodotti Juul per almeno sei anni e a fornire loro competenze in aree specifiche, come le pressioni sulle autorità sanitarie.

« Dai concorrenti, i due gruppi sono diventati collaboratori eliminando la concorrenza e condividendo i profitti di Juul“, Ha accusato il signor Conner.

Queste condizioni costituiscono ostacoli alla concorrenza, secondo la FTC, che prevede di tenere un'audizione sull'argomento nel gennaio 2021. L'autorità vorrebbe che Altria si liberasse del suo investimento.

In una dichiarazione, il gruppo del tabacco afferma di voler " difendere energicamente »La sua posta in gioco.

« Riteniamo che il nostro investimento in Juul non sia dannoso per la concorrenza e che FTC abbia frainteso i fatti", ha indicato Murray Garnick, responsabile legale del gruppo, citato nel documento.

Fonte : AFP / Area di scambio

Com Inside Bottom
Com Inside Bottom
Com Inside Bottom
Com Inside Bottom

Circa l'autore

Appassionato di giornalismo, ho deciso di unirmi al team editoriale di Vapoteurs.net in 2017 per occuparmi principalmente di notizie di vape in Nord America (Canada, Stati Uniti).