SALUTE: fumare la chicha aumenta il rischio di obesità.

SALUTE: fumare la chicha aumenta il rischio di obesità.

Se parliamo spesso di sigarette in termini di riduzione del rischio, spesso dimentichiamo lo shisha, che è ancora più dannoso per la salute. Recentemente, i ricercatori inglesi hanno insistito nel ricordare questa verità affermando che coloro che ne sono seguaci hanno anche il rischio, finora molto meno conosciuto, di soffrire di altre malattie come il diabete di tipo 2.


UN CAFFÈ DI NARGUILE PERICOLOSO CHE 20 HA SIGARETTE 30!


Il narghilè (o narghilè) è una pipa ad acqua per fumare una preparazione di tabacco. Gli studi hanno già stabilito che è ancora più dannoso per la salute del fumo.

Secondo il servizio informazioni sul tabacco, una singola boccata di chicha contiene tanto fumo quanto una sigaretta intera: una sessione di shisha è come fumare tra le sigarette 20 e 30. Inoltre, il monossido di carbonio presente nel suo fumo è in quantità 7 volte superiore a quella presente nel fumo di una sigaretta perché contrariamente a un'idea diffusa, il passaggio del fumo nell'acqua non ha alcun ruolo di filtro. I rischi per la salute sono quindi gli stessi: cardiovascolare, respiratorio, digestivo, cancro ...

Ma ora i ricercatori dal Scuola medica di Brighton e Sussex proporre altri rischi finora sconosciuti nel loro lavoro. Questi affermano che i fumatori hanno maggiori probabilità di aumentare di peso e sviluppare un tipo di diabete 2 rispetto ai non fumatori dopo l'inalazione dei fumi di chicha. Il loro studio è presentato come il più grande mai condotto su effetti negativi in relazione a questa pratica e consisteva nel confrontare il profilo biochimico dei partecipanti al fumo e non fumatori 9 840 con analisi del sangue. In tutti, del non fumatore 6 742, ex fumatori 976, 864 fumatori di sigarette 1 067 41 fumatori narghilè e fumatori di sigarette e narghilè.


LA CHICHA, UN RISCHIO DI OBESITÀ E DIABETE!


I risultati hanno mostrato che c'era il rischio di obesità, sindrome metabolica, Diabete e dislipidemia (un'anomalia nel livello di grasso nel sangue) in fumatori di chicha ma non nei fumatori sigarette. Cosa confermare che il narghilè è ancora più tossico del fumo convenzionale.

« Una singola sessione di narghilè può essere equivalente a più di un pacchetto di sigarette affumicate e i composti tossici inalati sono più importanti. Ma non è ancora chiaro perché il narghilè sia associato all'obesità e al diabete. Spiega il Pr Gordon Ferns, co-autore dello studio. Tra le principali ipotesi evocate, il fatto che le tossine contenute nel fumo stimolino una risposta infiammatoria.

Una reazione che renderebbe i tessuti del corpo più resistenti gli effetti dell'insulina, l'ormone che regola il livello di glucosio nel sangue. " Il narghilè può anche essere associato a comportamenti sociali che portano ad un aumento di peso Aggiunge il dottor Gordon Ferns. Per i ricercatori, va notato che il narghilè non è quindi un'alternativa più "sana" al fumo come può essere la sigaretta elettronica. Oltre ai rischi presentati in questo studio, ricordano che " mentre una sigaretta è finita con sbuffi 20 in media, i fumatori shisha possono essere esposti a metalli pesanti e altre sostanze chimiche cancerogene per un lungo periodo '.

Sono anche preoccupati che la pratica rappresenti circa la metà del fumo di adolescenti in Gran Bretagna secondo uno studio nazionale pubblicato lo scorso anno. " I rischi del fumo di narghilè per alcuni tipi di cancro sono ben stabiliti e l'evidenza di un'associazione con le malattie cardiovascolari è in aumento. Dal punto di vista della politica sanitaria, sarebbe importante che il pubblico riconosca i rischi associati a questo tipo di fumo. Il suo uso può essere particolarmente attraente per i giovani, motivo per cui i narghilè non dovrebbero essere trattati diversamente dal fumo convenzionale. "Conclude lo scienziato.

Fonte : Santemagazine.fr/Bsms.ac.uk/

Com Inside Bottom
Com Inside Bottom
Com Inside Bottom
Com Inside Bottom

Circa l'autore

Avendo una formazione in specialista della comunicazione, mi prendo cura da un lato dei social network Vapelier OLF ma sono anche editore di Vapoteurs.net.