Top banner
Top banner
SALUTE: La sigaretta elettronica avrebbe aiutato 700 000 a fumare negli anni 7 secondo la Public Health France.

SALUTE: La sigaretta elettronica avrebbe aiutato 700 000 a fumare negli anni 7 secondo la Public Health France.

Secondo uno studio pubblicato mercoledì da Salute pubblica Francia, la percentuale di fumatori giornalieri diminuisce tra gli utenti di sigarette elettroniche. Secondo le stime dalla sua introduzione in 2010, è stato utilizzato principalmente per la riduzione del rischio e ha aiutato alcuni fumatori quotidiani 700 000 a cessare la loro dipendenza.


"UN UTILIZZO ADESSO ANCORE A LUNGO TERMINE! "


In un'analisi complementare dei dati del Barometro della salute 2017, l'agenzia controlla la diffusione di questo strumento negli adulti di età compresa tra 18 e 75. Sembra che tutti i vapers abbiano avuto esperienza con il tabacco: metà di loro sono fumatori occasionali o giornalieri, l'altra metà sono ex fumatori. Meno di 1% non ha mai fumato.

«La sigaretta elettronica non sembra diventare, negli adulti, un nuovo prodotto utilizzato non correlato al tabacco"Osservazioni Anne Pasquereau, responsabile degli studi scientifici presso SpF.

Il profilo dei suoi utenti è piuttosto maschile e laureato. Sono vapotenti (termine che è apparso nel dizionario 2015) dai mesi 20 in media, vale a dire molto più a lungo rispetto allo studio precedente in 2014. "L'effetto novità è probabilmente finito e l'uso è ora ancorato a lungo termineI ricercatori scrivono. Inoltre, l'abitudine non è solo legata alla dipendenza fisica: 12% dei vapers utilizza liquidi senza nicotina.

Questo ovviamente ha un effetto sul loro fumo. In tre anni, la quota di fumatori giornalieri si è dimezzata tra gli utenti di sigarette elettroniche, mentre il numero di ex fumatori è raddoppiato. Per quanto riguarda i "vapofumeurs", i vapotori continuano a fumare, sono 80% ad aver ridotto il loro consumo di sigarette. Ora accendono le sigarette 9 al giorno in media, contro un pacchetto prima della loro diminuzione.

Tuttavia, i ricercatori mettono in guardia contro questa pratica. "I benefici per la salute di una riduzione del fumo sono limitati rispetto a un arresto completo, poiché anche il basso consumo di sigarette è molto dannosoScrivono, temendo che l'impressione di progresso possa ritardare la cessazione totale del fumo.


"INCORAGGI I VAPORI AL TOTALE RISVEGLIO! "


Le Professor Bertrand Dautzenberg, pneumologo, lo conferma: "La riduzione del numero di sigarette è spesso seguita da ricadute. È quindi necessario incoraggiare i vapori allo svezzamento aumentando il tasso di nicotina in liquidi (fino a 16 mg) o integrazione con cerotti. Se sentono ancora il bisogno di finire una sigaretta, è perché il dosaggio di nicotina è insufficiente per il loro corpo'.

E dopo? Per la prima volta, la sintesi fornisce informazioni illuminanti sull'arresto dello svapo, un problema che divide ancora gli specialisti della salute pubblica. Tra gli adulti di età compresa tra 18 e 75 anni, 1,2% sono ex fumatori e ex fumatori. In termini concreti, questo significa che su 500 000 le persone hanno rinunciato alla loro e-sigaretta dopo aver smesso.

Ma il vaper avrebbe una brutta immagine nell'opinione pubblica. Più della metà degli intervistati ritiene che questo strumento sia altrettanto pericoloso di una normale sigaretta. Una sensazione più forte nei fumatori quotidiani.

«Non vi è tuttavia alcun dubbio scientifico sul fatto che le emissioni di e-sigaretta, senza essere indesiderabili, siano infinitamente meno dannose per la salute del fumo di tabacco.Dice il professor Dautzenberg. Infine, il suo divieto in alcuni luoghi pubblici, come scuole o trasporti pubblici chiusi, è apprezzato dal 67% degli intervistati.

Il barometro di Public Health France è un sondaggio condotto telefonicamente con 25 000 people. Dati dichiarativi, affermano gli autori dello studio, che misurano solo la percezione degli intervistati circa l'interesse della sigaretta elettronica come aiuto per smettere di fumare.

Fonte : Le Figaro

Com Inside Bottom
Com Inside Bottom
Com Inside Bottom
Com Inside Bottom

Circa l'autore

Avendo una formazione in specialista della comunicazione, mi prendo cura da un lato dei social network Vapelier OLF ma sono anche editore di Vapoteurs.net.

Laisser une réponse