Top banner
SALUTE: ETHRA riporta ampiamente a favore dello svapo e dello snus!

SALUTE: ETHRA riporta ampiamente a favore dello svapo e dello snus!

In totale contraddizione con la relazione di SCHEER che potrebbe avere un forte impatto sulla futura TPD2 (Direttiva sui prodotti del tabacco), oggi vi proponiamo il rapporto di ETHRA (European Tobacco Harm Reduction Advocates) che da parte sua è nettamente favorevole allo svapo e allo snus nella lotta al fumo.


RIDUZIONE DEL RISCHIO, "LA" SOLUZIONE PER FAR FINIRE IL TABACCO!


Mentre il futuro a volte sembra "oscuro" per lo svapo in Europa, ci sono segni che nulla è ancora scolpito nella pietra. Se il recente rapporto SCHEER che ha concluso che lo svapo non aiuta a smettere di fumare e che i sapori attirano i giovani alla nicotina servirà come base per il futuro TPD2 (Direttiva sui prodotti del tabacco), possiamo essere lieti di avere oggi a disposizione dati in totale contraddizione con questa posizione.

Dal 12 ottobre al 31 dicembre 2020, infatti, più di 37 persone hanno risposto al sondaggio online di ETRA sui consumatori di nicotina in Europa. Oggi vi presentiamo il rapporto di analisi che dettaglia i risultati di 35 partecipanti provenienti da 296 paesi dell'UE soggetti alla Direttiva europea sui prodotti del tabacco (TPD).

Come funziona il sondaggio ETHRA :
Ogni partecipante ha impiegato in media 11 minuti per completare il questionario. Le 44 domande poste sull'uso della nicotina da parte dei consumatori. Gli argomenti trattati includevano il fumo e il desiderio di smettere di fumare, l'uso dello snus, lo svapo e gli ostacoli allo smettere di fumare, in particolare in relazione alla direttiva TPD e ai regolamenti nazionali.


RIDUZIONE DI RISCHI, TASSE E TPD… QUALE SINTESI PER IL PUBBLICO?


Secondo il nuovo rapporto del'ETHRA (Avvocati europei per la riduzione del danno da tabacco), la riduzione del rischio è chiaramente una soluzione per smettere di fumare.

  • I prodotti per la riduzione del rischio sono di grande aiuto per smettere di fumare. Tra coloro che hanno fumato nella loro vita, 73,7% utenti di snus e 83,5% dei vapers ha smesso di fumare.
  • La riduzione del rischio è la ragione più citata per l'adozione dello snus (75%) e svapo (93%), seguito da smettere di fumare per 60% di utenti di snus e oltre 90% vapers. Ridurre i costi, i sapori, la disponibilità del prodotto e, in particolare, la capacità di regolare i prodotti di svapo, sono fattori importanti per i consumatori quando adottano prodotti per la riduzione del danno.

  • su 31% degli attuali fumatori afferma di essere interessato a provare lo snus se fosse legalizzato nell'UE.

Per quanto riguarda le tasse sullo svapo, il divieto dei sapori di svapo e la mancanza di accesso, secondo il rapporto ETHRA, questi sono ostacoli alla cessazione del fumo!

- Più di 67% dei fumatori vuole smettere. Tuttavia, questi fumatori devono affrontare barriere nel loro desiderio di essere non fumatori. Primo, quasi un quarto (24,3%) dei fumatori dell'UE che desiderano smettere sono scoraggiati dal prezzo elevato delle alternative a basso rischio. Questa proporzione raggiunge 34,5% nei 12 paesi dell'UE in cui lo svapo è stato tassato nel 2020 e 44,7% nei tre paesi in cui lo svapo è pesantemente tassato (Finlandia, Portogallo ed Estonia).

  • Le tasse sui prodotti per lo svapo sono una barriera significativa allo smettere di fumare per le persone che svapano e fumano ("doppi utenti"). La proporzione di doppi utenti nei 12 paesi con una tassa sullo svapo che sono bloccati dal costo per passare esclusivamente allo svapo (28,1%) è più di tre volte quella dei doppi utenti di 16 paesi senza tassa sullo svapo (8,6%).
  • Il divieto di vaporizzare aromi in Finlandia ed Estonia e il monopolio statale sulla vendita di vaporizzatori in Ungheria rendono più difficile smettere di fumare. Una delle principali conseguenze di questo divieto è quella di spingere i consumatori nel mercato nero, in altre fonti alternative o negli acquisti all'estero. In questi tre paesi, solo 45% dei vapers utilizza una fonte convenzionale locale per ottenere i propri e-liquid, mentre sono 92,8% in paesi senza tasse o divieto di vaporizzare aromi.

  • Il rapporto ETHRA evidenzia il fatto che i limiti imposti dal TPD hanno conseguenze indesiderabili sul consumo di vapers.

    • Rispetto ad un ampio sondaggio online effettuato nel 20131, prima dell'implementazione dell'attuale PDT, il volume medio di e-liquid utilizzato al giorno è aumentato notevolmente (da 3 ml/giorno nel 2013 a 10 ml/giorno nel 2020) mentre il la concentrazione di nicotina di questi e-liquid è notevolmente diminuita (da 12 mg/ml nel 2013 a 5 mg/ml nel 2020).

    Due terzi (65,9%) dei vapers utilizzano e-liquid con una concentrazione di nicotina inferiore a 6 mg/ml. Questa tendenza sembra essere in gran parte una conseguenza del limite di concentrazione di nicotina di 20 mg / ml e del limite di volume di 10 ml imposto dal TPD per le fiale di e-liquid. A causa del fenomeno di auto-titolazione della nicotina inalata, è probabile che i vapers che utilizzano e-liquid con una bassa concentrazione di nicotina compensino consumando un volume maggiore.

    • Se il limite di 20 mg/ml di nicotina fosse aumentato, il 24% dei vapers ha affermato che consumerebbe meno liquidi elettronici e il 30,3% delle persone che svapano e fumano pensa di poter smettere del tutto di fumare.

    • Se il limite di 10 ml venisse abrogato, l'87% dei vapers acquisterebbe fiale più grandi per ridurre i costi e l'89% per ridurre i rifiuti di plastica, mentre solo il 35,5% afferma che probabilmente continuerebbe ad acquistare "scarichi" e ad aggiungere la nicotina da soli. Questi limiti potrebbero essere riformati o abrogati durante la prossima revisione della DPT.

    I campanelli d'allarme suonano anche dal rapporto ETHRA, A la tassa e/o il divieto di vaporizzare aromi nell'UE alimenterebbero i mercati neri e grigi gray.

    • Il sondaggio ha anche chiesto ai partecipanti altre possibili modifiche alle direttive europee. Per quanto riguarda il problema dei costi, gran parte dei vapers non tollererebbe o non potrebbe tollerare aumenti di prezzo. Se un'accisa elevata fosse applicata all'e-liquid in tutta l'UE, oltre il 60% degli utenti cercherebbe fonti parallele non tassate.
    • Se gli aromi di svapo fossero vietati, oltre il 71% dei vapers cercherebbe fonti alternative al mercato legale.

    Secondo il rapporto ETHRA, i vapers dall'Unione Europea desidera accedere a informazioni chiare e obiettive.

    • D'altra parte, una grande maggioranza dei vapers è favorevole all'accesso pubblico ai database dell'UE sui prodotti di svapo, riguardanti gli ingredienti di e-liquid (83%), gli elementi di resistenza (66%) e le caratteristiche dei circuiti integrati (56%). Inoltre, il 74% troverebbe utile una pagina di informazioni sullo svapo, come ha fatto la Nuova Zelanda.

    COSA RACCOMANDA ETHRA A SEGUITO DI QUESTO RAPPORTO?


     

    La revoca del divieto di snus nell'UE. Lo Snus ha consentito ai consumatori svedesi di nicotina di optare per la riduzione del danno, portando al più grande calo delle malattie legate al fumo in tutta l'UE. Lo Snus è stato pienamente riconosciuto dalla FDA statunitense come prodotto a rischio ridotto. Anche se solo una frazione dei fumatori adottasse lo snus, ridurrebbe il carico di malattie legate al fumo e morte prematura per milioni di europei.

    La limitazione del TPD delle fiale di e-liquid a 10 ml deve essere abrogata urgentemente per consentire ai vapers di acquistare e-liquid in volumi normali con un livello adeguato di nicotina e consentire a gran parte di loro di ridurre il consumo di e-liquid.

    La revisione al rialzo della concentrazione massima di nicotina negli e-liquid consentirebbe a un quarto dei vapers di ridurre il consumo di e-liquid e consentire ai fumatori di avere accesso a un prodotto a rischio ridotto più efficace. Nonostante le promesse fatte nel 2013 durante i dibattiti sulla PDT, nessun prodotto di svapo con più di 20 mg/ml di nicotina è disponibile nella rete farmaceutica nel 2021.

    Tasse, divieti di aromi e monopoli statali di vendita sullo svapo sono ostacoli per smettere di fumare nei paesi che li applicano. Queste misure alimentano anche un massiccio ricorso al mercato nero o ad altre fonti alternative e gli acquisti all'estero, con l'insicurezza sanitaria che queste situazioni provocano, spingono più persone a fumare e screditano le autorità politiche e sanitarie. Gli Stati membri e l'UE devono smettere di muoversi in questa direzione estremamente pericolosa.

    La stragrande maggioranza dei consumatori di nicotina a basso rischio desidera l'amministrazione europea fornisce informazioni oneste, aperte e accessibili sulle alternative di riduzione del rischio al fumo.

    Per consultare il Rapporto completo ETHRA, vai al Sito ufficialeDifensori europei per la riduzione del danno da tabacco.

    Com Inside Bottom
    Com Inside Bottom
    Com Inside Bottom
    Com Inside Bottom

    Circa l'autore

    Editor-in-chief di Vapoteurs.net, il sito di riferimento per le notizie sullo svapo. Impegnata nel mondo dello svapo dal 2014, lavoro ogni giorno per assicurarmi che tutti i vapers e i fumatori siano informati.