Top banner
Top banner
SALUTE: un'analisi sorprendente della sigaretta elettronica nel 2020 dal professor Daniel Thomas

SALUTE: un'analisi sorprendente della sigaretta elettronica nel 2020 dal professor Daniel Thomas

Nel 2020, chi può ancora credere che la sigaretta elettronica sia dannosa come il tabacco o che sia un prodotto di cui si sa poco? In un'intervista con i nostri colleghi di " Perché dottore" , il Pr Daniel Thomas, ex capo del dipartimento di cardiologia del CHU Pitié-Salpêtrière a Parigi e vicepresidente diAlleanza contro il tabacco presenta un'immagine un po 'sorprendente della sigaretta elettronica ...


Prof.Daniel Thomas - Pneumologo

 "NÉ DIABOLIZZARE LA SIGARETTA ELETTRONICA, NÉ IDEALIZZARLA" 


Siamo alla fine di novembre e il famoso " Mese senza tabacco " arrivare ad una conclusione. Per l'occasione gli specialisti portano le loro "luci" sul fumo e soprattutto sulle diverse possibilità di smettere di fumare. Questo è il caso di Prof Daniel Thomas, ex capo del dipartimento di cardiologia del CHU Pitié-Salpêtrière a Parigi e vicepresidente del l'Alleanza contro il tabacco che ha accettato di rispondere a un'intervista sulle sigarette elettroniche con i nostri colleghi sul sito " Perché dottore ".

Per quanto riguarda il rischio derivante dall'uso delle sigarette elettroniche, il professor Daniel Thomas specifica che lo è " meno grave della dipendenza dal tabacco, ma ciò non è privo di conseguenze sulla salute.  "Aggiunta" Colgo l'occasione per chiarire che il tabacco riscaldato, un nuovo prodotto venduto ad esempio da Philip Morris attraverso il suo marchio IQOS, non ha assolutamente nulla a che fare con le sigarette elettroniche, contrariamente a quanto vuole credere l'industria del tabacco. ".

 » Se la pratica è la stessa della sigaretta classica, il vaper rischia di essere agganciato allo svapo in quanto può essere agganciato alla sigaretta.  "- Prof Daniel Thomas

Una scoperta sorprendente sulla teoria dell'effetto ponte tra sigarette elettroniche e fumo, il professor Daniel Thomas dichiara:   » I dati sull'argomento sono molto contraddittori, manca la ricerca longitudinale. Tuttavia, gli studi suggeriscono che lo fa, soprattutto perché quando sei diventato dipendente dalla nicotina, consumare sigarette elettroniche è più complicato che comprare il tuo pacchetto presso la tabaccheria locale. ".

Secondo il professor Thomas, l'uso della sigaretta elettronica deve essere limitato nel tempo: »Se sei un fumatore, la sigaretta elettronica è una possibile opzione per smettere di fumare, a condizione che tu l'abbia fatto obiettivo da allora in poi di smettere completamente di svapare. Perché restare esclusivamente svapando non è garanzia di buona salute a lungo termine, visto che non sappiamo ancora cosa dia questo. ".

Chiaramente, l'ex vicepresidente di l'Alleanza contro il tabacco con un'opinione chiara sulla questione dello svapo:  Se i prodotti consigliati come prima linea e rimborsati - come cerotti o pastiglie (champix, zivan) - non funzionano, considera la sigaretta elettronica. Anche se questo prodotto può generare una nuova dipendenza, è un modo efficace per smettere di fumare, che rimane molto meno pericoloso per la salute rispetto alle sigarette prodotte. ".

Per visualizzare l'intervista completa con Prof Daniel Thomas, vai al sito web Perché dottore.

Com Inside Bottom
Com Inside Bottom
Com Inside Bottom
Com Inside Bottom

Circa l'autore

Appassionato di giornalismo, ho deciso di unirmi al team editoriale di Vapoteurs.net in 2017 per occuparmi principalmente di notizie di vape in Nord America (Canada, Stati Uniti).