SCIENZA: Molti scienziati castigano l'OMS per il suo comportamento anti-svapo!

SCIENZA: Molti scienziati castigano l'OMS per il suo comportamento anti-svapo!

Non è davvero qualcosa di nuovo, ma il comportamento dell'Organizzazione mondiale della sanità (OMS) verso lo svapo sembra sempre più insopportabile per molti scienziati in tutto il mondo. Molti hanno criticato la posizione dell'OMS sulla ricerca dell'industria del tabacco di alternative meno dannose e senza fumo. Avvertono che l'agenzia delle Nazioni Unite responsabile della direzione e del coordinamento della salute globale potrebbe finire per bloccare l'innovazione per ridurre gli effetti dannosi del fumo.


Tedros Adhanom Ghebreyesus, direttore generale dell'Organizzazione mondiale della sanità dal 1 ° luglio 2017.

"UNA GRANDE DIFFERENZA SE CHI SUPPORTA GLI ALTERNATIVI"


Se ilOrganizzazione mondiale della sanità (OMS) non è mai stato davvero unanime nella sua politica di lotta contro il fumo, sembra che oggi sia necessario un punto di cristallizzazione con molti scienziati riconosciuti. Provenienti da università di tutto il mondo e compresi ex funzionari dell'OMS, gli accademici hanno messo in discussione l'agenzia su quello che chiamava il suo "approccio retrogrado" all'innovazione e alle nuove tecnologie.
" Senza dubbio, sappiamo che lo svapo e altri prodotti di nicotina senza fumo sono molto meno pericolosi del fumo e che coloro che cambiano vedono un rapido miglioramento della loro salute. Tuttavia, l'OMS continua a promuovere il divieto assoluto o la regolamentazione estrema dell'uso di questi prodotti. Come può avere senso vietare un prodotto molto più sicuro quando le sigarette sono disponibili ovunque? Disse il Professor David Abrams dalla School of Global Public Health della New York University.

L'approccio dell'OMS "rinuncia o muori" ai fumatori e la sua opposizione all'alternativa per la riduzione del danno non ha senso.John Britton

Il fumo è stato collegato a malattie non trasmissibili tra cui cancro, malattie cardiovascolari e respiratorie. Ridurre un terzo delle morti per queste malattie è uno degli obiettivi di sviluppo sostenibile.
"L'OMS non raggiungerà gli obiettivi di riduzione del cancro, delle malattie cardiache e polmonari, a meno che non lo faccia in un altro modo e accetti l'innovazione nella politica di controllo del tabacco. Incoraggiare le persone a passare a alternative a basso rischio al fumo potrebbe fare una grande differenza nel loro carico di malattia entro il 2030 se l'OMS sostenesse l'idea invece di bloccarla "Ha detto il professor Emeritus Robert Beaglehole dell'Università di Auckland, in Nuova Zelanda, ed ex direttore del Dipartimento delle malattie croniche e della promozione della salute dell'OMS.

Gli esperti hanno anche avvertito che l'approccio dell'OMS al fumo è andato contro lo spirito degli sforzi di controllo del tabacco.

"Quando l'OMS ha iniziato a sviluppare un trattato internazionale sul controllo del tabacco nel 2000, l'obiettivo era chiaro: stava cercando di affrontare l'epidemia globale di malattie legate al tabacco. Ad un certo punto del processo, l'OMS sembrava aver perso il senso dello scopo e optato per una chiusura mentale che l'ha portata ad adottare posizioni non realistiche, non negoziabili o controproducenti che non sono basato sulla scienza razionale. Sembrava aver trascurato la sua missione principale, che è "garantire il più alto standard di salute possibile per tutti", compresi i miliardi di fumatori in tutto il mondo, la maggior parte dei quali vuole evitare la malattia e la morte prematura"Disse il Prof. Tikki Pangestu, professore alla Lee Kuan Yew School of Public Policy della National University of Singapore, ed ex direttore, ricerca politica e cooperazione presso l'OMS.

L'OMS tratta i prodotti di svapo come se facessero parte di un programma Big Tobacco. Ma si sbagliano fino in fondo. - David Sweanor

Da parte sua, il professore John Britton, CBE, professore di epidemiologia all'Università di Nottingham e direttore del Centre for Tobacco and Alcohol Studies del Regno Unito, ha dichiarato: " CHI dovrebbe essere motivato da una domanda generale: come si può ridurre maggiormente il fumo per il maggior numero di persone? Sappiamo che l'OMS ha accettato l'opzione di riduzione del danno in altre aree della salute pubblica, comprese le droghe illecite e la salute sessuale. Se l'OMS vuole persino raggiungere i suoi obiettivi di riduzione della malattia, ha bisogno di una strategia per i fumatori che non possono o non smetteranno di usare la nicotina, e l'aumento dei prodotti senza fumo visto dal 2010 ha offre un'opzione pratica. L'approccio dell'OMS "rinuncia o muori" ai fumatori e la sua opposizione all'alternativa per la riduzione del danno non ha senso."

David Sweanor dal Center for Law, Policy and Ethics in Health and Ethics dell'Università di Ottawa per aggiungere: “ L'OMS tratta i prodotti di svapo come se facessero parte di un programma Big Tobacco. Ma si sbagliano fino in fondo. In effetti, i nuovi prodotti stanno interrompendo il proficuo commercio di tabacco nell'industria del tabacco e spingendo le vendite di sigarette. Questo è esattamente ciò che ci si aspetta dall'innovazione, ma l'OMS e i suoi donatori privati ​​hanno unito le forze per opporvisi, con richieste di divieto. Anche se non sembrano rendersene conto, si schierano con gli interessi delle sigarette di Big Tobacco, erigono barriere per l'accesso alle nuove tecnologie e proteggono l'attuale oligopolio delle sigarette."

Com Inside Bottom
Com Inside Bottom
Com Inside Bottom
Com Inside Bottom

Circa l'autore

Avendo una formazione in specialista della comunicazione, mi prendo cura da un lato dei social network Vapelier OLF ma sono anche editore di Vapoteurs.net.