STATI UNITI: I fondatori della sigaretta elettronica Juul pubblicano il video della tesi difesa a Stanford.

STATI UNITI: I fondatori della sigaretta elettronica Juul pubblicano il video della tesi difesa a Stanford.

Per molti mesi, la società JUUL Labs affronta molte critiche aggressive e minacce normative. Nel contesto di imminenti regolamenti federali negli Stati Uniti, il produttore di sigarette elettroniche Juul "Recentemente rilasciato un video della tesi originale difeso a Stanford che ha permesso il lancio del prodotto diventato inevitabile. In tal modo, i fondatori di Juul vogliono mostrare la loro buona fede e dimostrare che l'obiettivo è sempre stato nell'interesse della riduzione del rischio.


JUUL, UN DISPOSITIVO PER MANTENERE IL "VANTAGGIO" E PER DISAPPEARSI "NOCITY"


Questa non è una rivelazione straordinaria in quanto i fondatori della sigaretta elettronica Juul hanno già raccontato la loro storia. I due uomini si incontrarono e divennero amici dopo le pause sigaretta alla Stanford University. Alla fine decisero di progettare un prodotto alternativo alle sigarette. Qualche giorno fa, Juul Labs ha pubblicato un originale e davvero originale documento, un video della tesi difeso a Stanford, presentato da James Monsees (MAE in product design) e Adam Bowen (MSME in product design).

E i fondatori di Juul Labs vogliono assolutamente difendere il loro progetto e specificano che hanno sempre desiderato essere parte di un principio di riduzione del danno pur mirando a preservare il "beneficio" eliminando di fatto la "nocività" che noi trovato nelle sigarette.

Nella sua presentazione, James Monsees afferma: È possibile rendere sicura una sigaretta? E se fosse pericoloso fumare? Meglio ancora, cosa succederebbe se il fumo non infastidisse le persone? »

In 2004, quando è stata presentata la presentazione, Monsees e Bowen avevano già identificato il problema principale del fumo che doveva essere eliminato:

« Non è la nicotina che ti fa male, è l'incendio del tabacco. Disse James Monsees.

Nella presentazione di 2004, Adam Bowen presenta una diapositiva che mostra le previsioni demografiche della futura azienda. I due fondatori ritenevano che in alcune categorie sociali i fumatori sociali sarebbero stati molto numerosi.

Dieci anni dopo, quando il progetto di tesi si è evoluto fino a diventare Ploom, poi la sigaretta elettronica Juul Come lo conosciamo oggi, Juul Labs ha preso una decisione di marketing che probabilmente rimpiange oggi. In effetti, la prima campagna di marketing per la sigaretta elettronica ha portato alla luce giovani che usano Juul. Ad oggi, molte persone che criticano Juul Labs si riferiscono spesso a questa campagna come alla partenza della famosa "mania" dei giovani per il prodotto che la FDA definisce "epidemica".

Per invertire questa tendenza, Juul Labs ha adottato misure che includono un investimento di 30 milioni di dollari per la prevenzione tra i giovani. La società ha inoltre proceduto alla rimozione delle cartucce "fruttate" aromatizzate, alla rimozione dei suoi social media, a un'applicazione di verifica dell'età più severa per le vendite online e a una spinta legale contro la contraffazione. Più recentemente, Juul Labs ha deciso di lanciare una nuova campagna pubblicitaria 10 da un milione di dollari per attirare i fumatori adulti.

«Questo è un problema che vogliamo disperatamente risolvereDetto James Monsees, Product Manager e Co-Founder lo scorso agosto. "Non ci aiuta Tutti i consumatori minorenni che utilizzano questo prodotto danno un'immagine negativa alla nostra azienda. Non vogliamo raggiungere questa base di clienti e non vogliamo vendere prodotti ai giovani. La situazione attuale porta a una fuga di anni di vita per i fumatori adulti ed è davvero un peccato. »

Com Inside Bottom
Com Inside Bottom
Com Inside Bottom
Com Inside Bottom

Circa l'autore

Avendo una formazione in specialista della comunicazione, mi prendo cura da un lato dei social network Vapelier OLF ma sono anche editore di Vapoteurs.net.

Laisser une réponse