BURALISTI: Philippe Coy presenta la sigaretta elettronica e la responsabilità della salute pubblica.

BURALISTI: Philippe Coy presenta la sigaretta elettronica e la responsabilità della salute pubblica.

Ospite dell'edizione serale del canale televisivo « Cnews", Philippe Coy, il presidente di La Confederazione dei tabaccai non ha esitato a parlare della responsabilità dei suoi colleghi nella salute pubblica ricordando di passaggio che la sigaretta elettronica è considerata " scientificamente meno dannoso Di tabacco.


PHILIPPE COY: « SIAMO ANCHE LE PERSONE RESPONSABILI«


Con i numerosi aumenti del prezzo del tabacco che porteranno a un pacchetto di sigarette agli euro 10 da parte di 2020, sorge una domanda: I tabaccai hanno il blues ?

« Non sono qui per riempire un buco, sono qui per far durare le imprese »- Philippe Coy

Ieri, il presidente della Confederazione dei tabaccai di Francia, Philippe Coy Era in diretta sul canale di news Cnews per fare un inventario e ha colto l'occasione per parlare di un prodotto che prende sempre più spazio tra i tabaccai: la sigaretta elettronica.

« Uno dei prodotti di punta che evidenziamo in questa trasformazione è il prodotto dello svapo perché lo svapo è scientificamente riconosciuto come meno dannoso. Siamo anche persone responsabili, il piano sanitario lo possiamo capire a patto che non siamo le vittime di queste decisioni politiche Ha detto.



Alla domanda se questo può colmare il vuoto sul tabacco, risponde: " Non so se si tratta di colmare una mancanza, è di evolvere con la società. Non sono qui per riempire un buco, sono qui per far durare le imprese. Io stesso sono un imprenditore, eletto a livello locale e quindi voglio che questa rete continui ad esistere, ha il supporto di 10 milioni di francesi ogni giorno e un ruolo utile.«

Com Inside Bottom
Com Inside Bottom
Com Inside Bottom
Com Inside Bottom

Circa l'autore

Redattore capo di Vapoteurs.net, il sito di riferimento sulle notizie dello svapo. Impegnata nel mondo dello svapo da 2014, lavoro tutti i giorni in modo che tutti i giornalisti e i fumatori siano informati.

Laisser une réponse