Top banner
Top banner
TABACCO: Per il professor Dautzenberg, il tabacco sta diventando obsoleto per i giovani!

TABACCO: Per il professor Dautzenberg, il tabacco sta diventando obsoleto per i giovani!

In 2018, e questo per il terzo anno consecutivo, le vendite di tabacco in Francia sono diminuite. Per l'occasione, France Inter ha ricevuto il professor Bertrand Dautzenberg, pneumologo e specialista del tabacco presso l'ospedale di Pitié-Salpêtrière.


« AI GIOVANI, IL TABACCO DIVENTA UNA DENTE«


La sigaretta ha meno seguaci in Francia. Le vendite sono diminuite drasticamente in 2018, con a 9,32% declino. Questo è 4 miliardi di sigarette in meno, e questo vale per tutte le forme di tabacco (in totale 40 miliardi di sigarette vendute).

Il pneumologo Bertrand Dautzenberg accoglie con favore il piano sanitario messo in atto, in particolare con l'aumento del prezzo del pacchetto, che sta dando i suoi frutti.

Questa è una diminuzione significativa. Lo sapevamo già con il primo piano per il cancro sotto Chirac in 2002-2003. È stato ancora di più da quando eravamo passati da 82 a miliardi di sigarette vendute a 54 miliardi.

Pacchetto neutro, sigaretta elettronica, rimborso di sostituti della nicotina anche spiegare questo declino.

Le misure attuali sono buone se il calo continua ad essere intorno al 10% stima lo specialista del tabacco.

Le persone che non hanno soldi non sanno quanto stanno spendendo. È una droga e non si rendono conto. Ecco perché è così importante aiutare queste persone.

Con 2020, il pacchetto arriverà a 10 €, una speranza per Bertrand Dautzenberg. La speranza che i francesi fermino completamente la sigaretta.

Egli osserva inoltre che il tabacco è diventato obsoleto nei giovani. A differenza della chicha e della cannabis. La sigaretta elettronica è usata ma la maggior parte dei giovani che prendono la sigaretta elettronica la prendono senza nicotina.

Per il capo dei tabaccai, i francesi non fumano meno. Comprano le loro sigarette all'estero o sul mercato nero. Secondo Bertrand Dautzenberg, abbiamo gli stessi tassi di acquisto di sigarette all'estero da 2003-2004. D'altra parte per lui, il mercato nero non è così promettente. Notiamo che fumiamo di più nelle regioni del Nord-Est (vicino al Belgio, e soprattutto in Lussemburgo), nei dipartimenti limitrofi con la Spagna, e in Corsica dove i tumori ai polmoni sono più numerosi di 30% .

Fonte : Franceinter.fr/

Com Inside Bottom
Com Inside Bottom
Com Inside Bottom
Com Inside Bottom

Circa l'autore

Avendo una formazione in specialista della comunicazione, mi prendo cura da un lato dei social network Vapelier OLF ma sono anche editore di Vapoteurs.net.

Laisser une réponse